Inchieste | Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù, Informazione, Dal settimanale, Banche, Fatti

I report della Standard & Poor's del 16 e 17 maggio sulla Banca Popolare di Vicenza

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile) | Sabato 7 Luglio 2012 alle 15:00 | 0 commenti

ArticleImage

Da VicenzaPiù n. 237 (con BassanoPiù n. 18) in edicola, in distribuzione e sfogliabile comodamente dagli abbonati con tutti gli altri dettagli.

Issuers Rated 'BBB-' With Negative Outlooks

Banca Popolare di Vicenza ScpA     Debt amount 5,737 mil. US$ (qui le domande alla Popolare di Vicenza senza risposta)

… The negative outlook on the long-term rating on Banca Popolare di Vicenza ScpA reflects Standard & Poor's view that the deteriorating economic and competitive environment in Italy could affect the company's asset quality and capital. As per Standard & Poor's baseline scenario, BPVi's NPAs will increase faster in 2012 and 2013 than they did in 2011. We expect that net inflows of NPAs will remain below the 2.5% of customer loans average for the sector in 2012. However, we could lower the ratings if the net inflow of credit losses and NPAs exceeds our expectations…

Questo, e altro, abbiamo letto sui report del titolo. In attesa dei commenti già richiesti alla banca dei vicentini, abbiamo interpellato un noto esperto locale di finanza che ci ha “volgarizzato” il “senso” di quanto scritto da S&P. Quando si declassa un Paese poco dopo vengono declassate la maggior parte delle aziende di quello Stato (ed in particolare le banche. «L’idea è – ci dice - che “se l’Italia va male, andranno male anche le Banche italiane che, oltretutto, sono piene di titoli del debito pubblico italiano”.  Allora il rating della BpVI è sceso di due gradini a BBB-, il livello di quella che in gergo è definita “pre-spazzatura”,  e l’outlook (non si traduce, ma starebbe per “le previsioni” e si sottintende sul debito a lungo termine) è negativo. In pratica si dice che la Banca non può non risentire del deterioramento del contesto economico e competitivo in Italia che quindi potrebbe influenzare la qualità dell’attivo della Banca. L’attivo per una Banca sono i prestiti che ha concesso alle aziende ed alle famiglie. Se le condizioni economiche dell’Italia dovessero peggiorare è chiaro che aziende e famiglie avrebbero più difficoltà nel restituire i prestiti avuti e si deteriorerebbe così l’attivo della Banca.  Poi il report dice che il NPAS aumenterà più velocemente nel 2012 e 2013 di quanto non abbia fatto nel 2011».  NPAS è un acronimo che sta per “crediti deteriorati, che non producono income (ricavi) ”: “For a bank, an Non Performing Asset (NPA) or bad debt is usually a loan that is not producing income”. Naturalmente si sta parlando di difficoltà per rimborsare i prestiti da parte della clientela. «In Italia – continua il nostro esperto - il termine più forte è “crediti inesigibili”, quelli in pratica sui quali ci si mette una pietra sopra. Da noi si usa anche il termine di “sofferenze” che però è molto simile ma non così drastico come “crediti inesigibili”, mentre in una ipotetica scala di gravità ci sono “i crediti in contenzioso” che sicuramente non saranno riscossi per intero dalle Banche, ma probabilmente almeno per una parte. Ora nella terminologia anglosassone si usa NPAS, che si dovrebbe tradurre con “crediti deteriorati”, quindi non ancora inesigibili, ma per la sua entità (2,5%) ritengo ci si riferisca a qualcosa di più serio, per cui tradurrei NPAS con “sofferenze” che resta un termine tecnico ma abbastanza conosciuto. Quindi si dice che i sopradetti NPAS resteranno sotto il 2,5% degli impieghi (cioè dell’ammontare dei prestiti concessi dalla Banca) nel 2012: il dato non è comunque malvagio anche se l’obiettivo per una Banca è rimanere sotto il 2% o meno visto il contesto di tassi bassi in cui stiamo. Se invece i NPAS, le “sofferenze” dovessero aumentare ulteriormente si potrebbe prendere in considerazione di diminuire ulteriormente il rating. Da qui dunque l’outlook negativo, le previsioni negative, che Standard & Poor’s ha associato alla Banca Popolare di Vicenza». Che, per chiudere questo tentativo di rendere comprensibili termini e valutazioni complesse ha un “Debt amount di  5,737 mil. US$”: questo è  l'ammontare totale dei debiti della Banca, cioè, principalmente, il totale dei prestiti obbligazionari emessi e tutt'ora in essere, espressi in dollari Usa.

Fonte Standard & Poor’s

http://www.standardandpoors.com/ratings/articles/en/eu/?articleType=HTML&assetID=1245333912545  

http://www.standardandpoors.com/ratings/articles/en/eu/?articleType=HTML&assetID=1245333914783  

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Mercoledi 27 Agosto alle 17:38 da DavideDeMeo
In I pacifisti nostrani
Nooo, mi dispiace, non ci sto. Mi riconosco nel movimento pacifista. Ero tra quelli che hanno manifestato contro la costruzione dell?ecomostro Del Din. Sono ancora oggi convinto che quella base non doveva essere fatta. Primo perché è una installazione straniera in preziosissimo suolo nazionale e vicentino. Secondo perché rappresenta un simbolo del modo proprio delle superpotenze di risolvere i conflitti. Vale a dire con la risposta militare. Proprio questa, dai tempi della Guerra del Golfo (con il ridicolo ultimo sviluppo secondo il quale i cacciabombardieri e i droni americani i attaccano mezzi corazzati e armi americane date al governo irakeno dagli stessi americani), dalla Guerra in Afghanistan e dall?intervento in Libia, mostra negli ultimi tempi la sua inutilità. I conflitti regionali sono ancora più aspri di un tempo e l?instabilità internazionale (Iraq, Libia, Pakistan, Ucraina) è ai massimi storici.
Venendo ora al conflitto arabo-israeliano, non posso soffermarmi sulla enorme complessità dei rapporti che hanno determinato l?odierno assurdo scenario (mi ha aiutato a capirci qualcosa il libro ?Vittime. Storia del conflitto arabo-sionista 1881-2001? di Benny Morris ? Ed. Bur ? 2003). Di certo, pensare che lo stato di Israele, a cui la stragrande maggioranza di noi ed io personalmente riconosciamo il diritto all?esistenza ed alla salvaguardia dei propri confini, sia giustificato a radere al suolo (le bombe intelligenti...) i quartieri di Gaza, donne e bambini compresi, per me vuol dire soffrire di cecità selettiva.
E? di ieri la notizia che Tsahal (il tanto ammirato esercito israeliano) ha ucciso tre leader di Hamas, i quali sfortunatamente erano assieme a una dozzina di propri familiari, tra cui diversi bambini innocenti (beh, mica colpa nostra se questi terroristi fanno anche figli, potevano pensarci prima...).
Se i palestinesi radicali, del resto, avessero a disposizione bombardieri e droni non esiterebbero un minuto a farne l?uso di cui noi occidentali siamo maestri. Saremmo pronti, in quel caso, a schierarci a fianco dell?alleato israeliano senza alcun indugio, partecipando allegramente al bomb show.
Allora preferisco di gran lunga l?appello alla pace, con le manifestazioni e i cortei, che sempre sono stati pacifici, che magari poco hanno prodotto (opporsi ai miliardi di giro d?affari del business delle armi è poco popolare, per non parlare dei guerrafondai veri e propri, che sparerebbero anche con il fucile a tappo), che forse possono sembrare antiamericani ma che in realtà esprimono solo il cocente fastidio di essere impotenti di fronte alle scelte fallimentari della war machine internazionale. Anche queste sono azioni forti (e la nostra città non è che ne abbondi).
Caro Prof. Balbo, Gentile Signora Farina, dissento profondamente dalle vostre affermazioni.. Con buona pace del vescovo Rufino e di Erasmo da Rotterdam.

Martedi 26 Agosto alle 15:27 da claudiofiori
In Luca Zaia aderisce alla campagna per la lotta alla SLA
Ottimo gesto "mediatico" del Governatore Zaia. Peccato però che resti solamente un?esposizione mediatica che NON aggiunge nulla agli scarsissimi fondi per la ricerca, e mi riferisco a tutte le patologie delle quali a oggi, le persone ammalate, sono ritenute "rare" se non inesistenti. Un Politico per di più Governatore della Regione, oltre a questi gesti estivi, deve impegnarsi per far si che l'articolo 32 della nostra costituzione sia rispettato, deve impegnarsi per evitare che tutte le persone sofferenti a causa di una patologia non siano derise ma curate, deve dare sostanza e seguito ad ogni paragrafo del P.S.S.R.2013\2016. Queste cose si possono fare, con un po? di buona volontà, visto che, come riferito dal Governatore Zaia in conferenza, i Conti Consuntivi Economici delle A.S.L.Venete hanno chiuso l?esercizio 2013 con un utile (pardon attivo) di 41.467.101.?. Ha poi aggiunto l?Assessore Coletto che il 2013 è per il Veneto il QUARTO anno consecutivo di esercizi positivi???. Ricordo al Governatore Zaia agli Assessori Coletto e Mantoan che in data 04\07\2014 ho spedito una mail (da loro ricevuta e letta, e pubblicata dalla vostra testata il 19\07) nella quale facevo presente che dopo oltre 400 giorni dall?approvazione all?unanimità della Legge, che riconosceva l?M.C.S. come patologia rara e con la quale dovevano essere attuati anche 5 paragrafi a essa collegata, nulla oltre il mero ?riconoscimento? è stato fatto. Oltretutto la lettera era controfirmata da 28 persone sofferenti di tale patologia abitanti in 5 province Venete che mi avevano delegato, e NESSUNO dei destinatari si è degnato di fornire a queste persone un minimo cenno di riscontro. Nessuno cerca la malattia, questa può colpire chiunque a qualsiasi età, una persona ammalata di qualsiasi patologia, proprio a causa del suo stato di salute ha bisogno di tutele ed aiuto. Credo che Il livello di civiltà di una Regione si misura anche dalla cura con cui assiste le persone ammalate. Cordialmente Claudio Fiori
Gli altri siti del nostro network