Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Architettura

H-Campus, al via il progetto di Richard Rogers

Di Rassegna Stampa Lunedi 13 Febbraio 2017 alle 09:09 | 0 commenti

ArticleImage

Fiorentino di nascita, inglese di avi e di adozione, sir Richard Rogers è una delle archistar mondiali più famose. Co-realizzatore con Renzo Piano del Centre Pompidou a Parigi e ideatore del Millenium Dome a Londra, Rogers avrebbe accettato la sfida di firmare il progetto dell’H-Campus di Riccardo Donadon. I bene informati dicono di averlo visto in gronda lagunare in questi giorni. Forse per un sopralluogo di quelle campagne, oltre 40 ettari, dove sorgerà l’ambizioso progetto di un campus internazionale per la formazione digitale. A pochissimi chilometri da Venezia. 

Il masterplan è già stato affidato allo studio Zaa Zanon architetti associati di Roncade che alla pagina web del progetto, dove sono stati caricati i rendering, segnano come partner – oltre a Manens-Tifs spa – Tepco srl e Rs ingegneria srl – lo studio Rshp che è l’acronimo di Rogers Stirk Harbour + Partners. Si tratta di una sfida originale, per l’architetto 83enne abituato alle grandi metropoli, ma non nuova. Basti citare il progetto dell’ampliamento della distilleria scozzese Macallan, dove Rogers ha saputo coprire le cellule produttive con tetti verdi dolcemente ondulati che riprendono i dolci pendii delle colline, richiamandosi alla tradizione dei grandi paesaggi scozzesi. Adesso Rogers si trova immerso nella campagna trevigiana, in prossimità del fiume Sile e della Laguna. Il luogo dove nel 2005 è nato H-Farm e ora, grazie alla lungimiranza di Riccardo Donadon, anche un polo internazionale vocato all’educazione che coinvolgerà 2 mila studenti, un centinaio di matricole l’anno, docenti e professionisti. Il grande sogno sarà possibile grazie ai denari di Cattolica assicurazione e di Cassa Depositi e Prestiti. L’ufficializzazione del progetto finanziario che sostiene l’ambiziosa impalcatura, con la creazione della Ca’ Tron Real Estate, sarà spiegato nei dettagli giovedì 16 febbraio a Milano. Negli ultimi tre anni Cattolica ha investito 112 milioni acquistando quasi 2 mila ettari attorno a H-Farm. Contemporaneamente ha acquisto circa il 5% della fattoria digitale di Donadon, ne ha testato l’efficacia con un progetto sperimentale di tecnologie digitali e robotiche in ambito agricolo e ora è pronta a sostenere l’investimento da 60 milioni per la tecno-scuola. Cattolica, Regione, Città metropolitana di Venezia e i Comuni di Roncade e Quarto D’Altino hanno già firmato l’accordo di programma, che è la base a procedere. Donadon vuole inaugurare il Campus a settembre 2018 e a dirigere l’area education ha chiamato Carlo Carraro, ex rettore di Ca’ Foscari. Con l’ok del Pubblico e i finanziatori già sul piatto, mancava solo il nome di una grande archistar a siglare un grande progetto di respiro mondiale. Perché questa è l’ambizione: essere vicini a Venezia ma accogliere e parlare al mondo. Richard Rogers dovrebbe realizzare il cuore del campus attorno a cui si snoderà il grande progetto di riqualificazione delle vecchie case coloniche (40 oggi in tutto), più piste ciclabili, ponti sulla Laguna, bar, osterie, ristoranti e un parco lungo il Sile dove studiare all’aperto. Come se si fosse davvero in America, ma si è in piena campagna veneta. E difatti lo slogan (inglese) recita: «Back to the countryside».
Di Eleonora Vallin, da Il Mattino di Padova


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

9 minuti fa da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza

Giovedi 18 Gennaio alle 18:40 da piero
In Musei civici, Jacopo Bulgarini d'Elci: "il raddoppio degli incassi in quattro anni è per me motivo di orgoglio personale"
Gli altri siti del nostro network