Quotidiano | Categorie: Politica, Banche, Fatti, Economia&Aziende, Cultura

Giorgio Meletti tra "Roi, la Fondazione demolita", BPVi, Veneto Banca, Banca d'Italia e... SPV

Di Pietro Cotròn Mercoledi 3 Maggio 2017 alle 11:00 | 0 commenti

Era fuori discussione che la presenza di Giorgio Meletti, giornalista economico de Il Fatto Quotidiano, esperto di banche e degli intrecci intorno a Banca d'Italia, desse ancora maggior lustro e visibilità alla presentazione del secondo libro dossier della collana Vicenza Papers, che dopo "Vicenza. La città sbancata" si è arricchita, sempre a firma di Giovanni Coviello, di "Roi. La Fondazione demolita". Il giornalista, che vanta una lunga conoscenza del nostro direttore da lui più volte intervistato per Il Mondo quando Coviello dirigeva negli anni 80 e 90 aziende nel settore dell'informatica, ha aggiunto la sua visione nazionale e sistemica del mondo che ruota intorno alla banche venete alla cronaca e alla denuncia puntale del magma locale intorno alla vecchia BPVi.

Di quel magma la vicenda della Roi è forse lo specchio più chiaro proprio per i veli che ancora oggi stende sulle proprie attività anche a causa di un consiglio rinnovato solo per tre settimi e che negli altri quattro settimi trova attivi consiglieri che non si vogliono dimettere pur essendo reduci dalla mala gestio di Gianni Zonin

Dopo avervi proposto la registrazione della presentazione, alcune delle domande e risposte al termine dell'evento, il ricordo del prof.  Baldo del mecenate marchese Giuseppe Roi e l'intervento di Coviello, con la sua prefazione al suo secondo libro denuncia di una Vicenza che non vuole cambiare ma di cui vuole svelare la "cupola" per poi demolirla, oggi vi proponiamo, quindi, lo stralcio dell'intervento interessantissimo a Bassano, presso la Libreria Palazzo Roberti, di Giorgio Meletti.

Dopo aver assimilato per i versi "peggiori" la vicenda della SPV (Superstrada Pedemontana Veneta) a quella delle banche venete, il collega del Fatto ha radiografato i legami tra l'affaire Roi e la strategia avvolgente e inquinante della gestione "territoriale" di Banca Popolare di Vicenza allargando, poi, il discorso alle vicende di Veneto Banca e alle "trame" di Banca d'Italia, un capitolo, se non "il" capitolo più corposo della crisi bancaria italiana, che il giornalista de Il Fatto Quotidiano sta sviscerando giorno dopo giorno sul suo giornale (vedi qui anche oggi), tra i pochi, se non l'unico, col coraggio di affrontare questo argomento tabù per gran partr della stampa.

N.B. I due libri, oltre ad altri volumi e dvd a tema sulla vicentinità, sono disponibili su shop.vicenzapiu.com e Amazon mentre i libri potete anche trovarli nelle migliori librerie ed edicole e presso la nostra redazione di Viale Milano 31, ndr)

 


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network