Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende

Gianni Zonin e Vincenzo Consoli in audizione presso la Commissione d'inchiesta: secretati oppure no?

Di Angelo Di Natale Giovedi 7 Dicembre alle 12:34 | 0 commenti

ArticleImage

ROMA, servizio esclusivo dal nostro corrispondente. Con una certa sorpresa Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca hanno occupato di nuovo il centro della scena ieri nella Commissione parlamentare d'inchiesta sui "crac" bancari la quale, a tappe forzate, sta procedendo secondo un fitto calendario di audizioni fino al 22-23 dicembre quando la pausa per le vacanze scriverà la parola fine sulla legislatura e darà lo stop all'iniziativa stessa dei quaranta parlamentari i quali, coordinati dall'ex Udc Pier Ferdinando Casini, si riuniscono praticamente tutti i giorni a palazzo San Macuto.

Sembrava che lo scontro fosse limitato al nodo Federico Ghizzoni, l'ex amministratore delegato di Unicredit, la cui audizione - da alcuni invocata, da altri temuta - non riguarda elementi funzionali dei dissesti bancari ma la credibilità dell'ex ministro Maria Elena Boschi e il suo conflitto d'interessi, con effetti travolgenti sull'intero Pd se l'attuale presidente di Rothschild Italia dovesse confermare quanto scritto da Ferruccio De Bortoli (e smentito dall'interessata con annuncio di querela mai presentata: ben altra cosa è un'azione civile!) ovvero che l'allora ministro gli chiese di valutare la possibilità di acquistare la banca, di cui il papà era vice presidente, sull'orlo del fallimento.

E invece ore di infuocato dibattito ci sono volute perché la Commissione prendesse una decisione su una lunga serie di altre audizioni tra le quali, innanzitutto, quelle degli amministratori delle due banche venete coinvolte, Gianni Zonin e Vincenzo Consoli.

Entrambe alla fine ammesse anche se il nodo più critico non risolto dall'ufficio di presidenza, che ci riproverà oggi, è quello della pubblicità o meno della loro audizione. Pubblicità chiesta a gran voce dal M5S, respinta da altri che invocano la secretazione. Con loro dovrà presentarsi a palazzo San Macuto anche Pietro D'Aguì, ex amministratore della Bim (Banca intermobiliare) che nella vicenda del dissesto di Veneto Banca avrebbe svolto la funzione di "boutique finanziaria".

La pagina veneta del dossier oggetto di scontro in Commissione ha acceso anche un braccio di ferro sull'audizione del presidente della Regione Luca Zaia, nonché sull'ex consulente di Veneto Banca Ippolita Ghedini, sorella del più noto Niccolò Ghedini - avvocato di Silvio Berlusconi nonché parlamentare e dirigente di primo piano di Forza Italia - e moglie di Michele Dalla Costa, pubblico ministero della procura di Treviso titolare di inchieste sui crac bancari. Nessuno dei tre però sarà sentito. Su questo punto alla fine ha avuto la meglio Brunetta contro l'asse M5S e parte del Pd.

E lunedì nell'aula "Occorsio" della Corte d'Assise di Roma secondo appuntamento con l'udienza preliminare sul dissesto di Veneto Banca: undici gli imputati di cui la procura ha chiesto il rinvio a giudizio. E tra questi anche Consoli e D'Aguì.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Sabato 9 Dicembre alle 15:41 da Kaiser
In L'addio "accorato" di Variati e Cavalieri al fondo immobiliare: scelta di saggezza ma anche ammissione di cose non fatte

Sabato 9 Dicembre alle 15:31 da Kaiser
In Front office comune di Vicenza in via Torino, Claudio Cicero: dopo il fondo immobiliare il sindaco Variati rivaluti anche questa ipotesi

Sabato 9 Dicembre alle 10:37 da Kaiser
In Immobili comunali, Maria Teresa Turetta (CUB Vicenza): "Variati ha fatto bene a bloccare la cessione al fondo di Investire, ma la nostra protesta continua"

Venerdi 8 Dicembre alle 07:57 da PaolaFarina
In Sanità veneta, l'on. Daniela Sbrollini: "ennesima brutta figura l'arretramento dal quinto al sesto posto"
Gli altri siti del nostro network