Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende, Lavoro

Garanzia giovani: in Veneto hanno aderito quasi 106 mila giovani - 54 su 100 hanno trovato lavoro - settori privilegiati: turismo, metalmeccanica e commercio

Di Note ufficiali Sabato 13 Gennaio alle 18:01 | 0 commenti

ArticleImage

Le adesioni a Garanzia Giovani in Veneto hanno raggiunto quota 105.824, di cui 2.094 presentate nel mese di novembre. Dal 2014 ad oggi hanno trovato una occupazione 54 su 100 dei giovani che hanno aderito al programma dedicato agli under 29 che non studiano e non lavorano. Questo l'ultimo aggiornamento su Garanzia Giovani fornito a fine 2017 dal report mensile della Regione Veneto e di Veneto Lavoro.

Dopo aver toccato un picco di circa 3.000 adesioni nel 2015 ed esser sceso a 1.700 nel 2016, il flusso di adesioni mensili è tornato a crescere, stabilizzandosi nel 2017 oltre le 2.000 al mese, con picchi superiori alle 2.500 a marzo, settembre e ottobre. La maggior parte dei giovani iscritti è di cittadinanza italiana, risiede in Veneto, ha un'età compresa tra i 20 e i 24 anni e un titolo di studio di diploma di scuola superiore. Tra i residenti fuori regione, spiccano le regioni del Sud, con Sicilia, Campania e Calabria in testa. Circa 12.000 adesioni (il 12% del totale) sono state ripresentate da giovani che avevano già aderito in precedenza.

Dal 2014 ad oggi, in media, circa il 35% delle adesioni presentate risulta successivamente annullato d'ufficio, principalmente per mancata presentazione allo Youth Corner entro i 60 giorni previsti dal Programma perché il giovane è stato preso in carico dai servizi competenti di un'altra regione. Tale percentuale è in costante diminuzione ed è passata dal 56% del 2015 al 25% del 2017. Le adesioni effettive al netto degli annullamenti risultano complessivamente 68.679, il 97% delle quali (66.453) si sono concretizzate nella stipula del Patto di servizio necessario per poter usufruire dei servizi offerti da Garanzia Giovani Veneto.

A novembre i Patti di servizio stipulati dai servizi per l'impiego pubblici e privati sono stati 1.646, in leggero calo rispetto agli ultimi due mesi. I Patti di servizio tuttora attivi sono 28.760, mentre 37.693, di cui 1.245 nell'ultimo mese, risultano conclusi, principalmente per l'avvio di un'attività lavorativa o per la ripresa degli studi.

La rete dei servizi per l'impiego del Veneto ha erogato complessivamente 47.364 attività, di cui 13.128 di orientamento specialistico, 12.528 di formazione per l'inserimento lavorativo, 9.313 di accompagnamento al lavoro, 1.044 di formazione per il reinserimento di giovani di età compresa tra i 15 e i 18 anni in percorsi di studio o formazione e 11.351 tirocini. Nell'ultimo mese l'attività prevalente è risultata la formazione per l'inserimento lavorativo.

I tempi che intercorrono tra l'adesione al Programma e la stipula del Patto di servizio sono generalmente brevi: nel 2017 sono sufficienti in media 4 giorni.

Chi inizia un'attività non si limita a ricevere un servizio di orientamento specialistico, ma segue un percorso articolato che prevede la partecipazione a diverse attività tra formazione, accompagnamento al lavoro e tirocinio. La formazione risulta in assoluto la misura più erogata (il 70% di quanti hanno iniziato un'attività ha seguito anche un percorso di formazione), seguito dal tirocinio (57%), che raramente rappresenta però l'unica attività intrapresa.

Considerando esclusivamente i rapporti di lavoro dipendente, i giovani che hanno trovato lavoro dopo l'adesione sono complessivamente 57.229 (il 54% del totale degli iscritti), molti dei quali risultano tuttora occupati. Riguardo al primo contratto stipulato, il 34% ha sottoscritto un contratto a tempo determinato, il 25% di apprendistato, il 20% un rapporto di lavoro somministrato, mentre quelli inseriti nel mercato del lavoro direttamente con un contratto a tempo indeterminato sono il 12%.

La distribuzione provinciale degli occupati riflette quella di residenza dei giovani iscritti: al primo posto Vicenza, dove si concentra il 18% di quanti hanno avuto un'opportunità di lavoro, seguita da Treviso (16%), Padova (15%), Verona (13%), Venezia (12%), Rovigo (4%) e Belluno (4%), oltre a una quota di giovani che ha trovato lavoro fuori regione.

I settori che hanno assorbito il maggior numero di occupati sono il turismo, l'industria metalmeccanica e il commercio al dettaglio.

In 7.341 casi le aziende hanno usufruito di uno degli incentivi previsti per l'assunzione di giovani iscritti al Programma che si sono susseguiti nel corso degli anni. Nel 2017 le assunzioni agevolate con il nuovo Incentivo Occupazione Giovani sono state 4.146.

Regione Veneto

Leggi tutti gli articoli su: Regione Veneto, Garanzia Giovani

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

1 ora e 45 minuti fa da zenocarino
In Il membro del cda Ipab Fabio Mantovani ha cambiato bandiera per puntare a Palazzo Trissino o Achille Variati ha messo la sua bandiera sul candidato di Forza Italia e Lega?

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network