Quotidiano | Categorie: Fatti, Enogastronomia, Cultura

Gambellara, la Cantina Sociale compie 70 anni

Di Marta Cardini Lunedi 22 Maggio 2017 alle 14:20 | 0 commenti

ArticleImage

La Cantina Sociale di Gambellara spegne 70 candeline. Nata nel 1947, dalle ceneri della precedente cantina sociale Enopolio (attiva fin dal 1920), è oggi una delle più grandi realtà vitivinicole del Veneto. Nacque con 26 viticoltori che si unirono per migliorare la qualità dei propri vini. Oggi i soci sono 365 per 650 ettari di terreno. Nel 2015 la Cantina di Gambellara di è fusa con la Cantina Colli Vicentini e la Cantina Vallogra e ha dato vita alla cooperativa Vitevis. Il vino vicentino viene esportato in tutto il mondo. Per festeggiare i 70 anni, all'interno della Cantina di Gambellara è allestita una mostra fotografica, dal titolo "Paesaggi, volti e luoghi del vino in Lessinia, Pedemontana e Colli Berici", organizzata da Cantine Vitevis in collaborazione con i Comuni di Gambellara, Montecchio e Malo.

I vigneti della Cantina sono collocati in prevalenza su terreni collinari di origine vulcanica, come tufi, lave basaltiche, che affiorano in superficie in colonne dalle poliedriche forme. Con la degradazione della rocce il terreno si è dotato di fertilità chimica naturale, ricco di potassio e magnesio che danno all'uva quella ricchezza di zuccheri e sostanze aromatiche che si riscontrano poi nei vini. Le colline che fanno da cornice alla Cantina di Gambellara si elevano fino a 500 mt. s.l.m. L'area maggiormente piantata a vite varia dai 100 ai 350 mt. L'orientamento delle colline va da Nord a Sud, favorendo un clima relativamente mite nel periodo invernale e nel contempo favorendo le escursioni termiche giorno/notte nei mesi di maturazione delle uve. "Queste particolari condizioni microclimatiche rappresentano un unicum nel panorama vitivinicolo italiano- si legge sul sito web della Cantina- e permettono di produrre vini altamente selezionati e qualificati. La Cantina si trova al centro di quattro storiche zone di produzione DOC, ossia Gambellara,Colli Berici, Lessini Durello e Soave. A queste si aggiungono altre due denominazioni, ovvero la DOC Vicenza, di recente costituzione, e la DOC Prosecco che, nata originariamente a Treviso, solo da pochi anni è stata allargata anche ad altre province del Veneto. Questo consente alla nostra produzione, pur essendo incentrata sulla Garganega e sul Gambellara Doc, di essere comunque molto ampia poichè comprende vini bianchi, rossi e rosati, spumanti, frizzanti e vini da dessert".


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Venerdi 19 Gennaio alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza
Gli altri siti del nostro network