Quotidiano | Categorie: Politica

Francesca Businarolo parla di wistleblowing e la denuncia di illeciti può invertire la rotta della corruzione

Di Citizen Writers Martedi 19 Dicembre 2017 alle 10:30 | 0 commenti

ArticleImage

Ieri sera l'onorevole del M5S Francesca Businarolo ha tenuto una conferenza a villa Tacchi sulla "sua" creatura: la Legge 30/11/2017 n° 179 sul wistleblowing (denuncia pubblica o comunicazione alle autorità di attività illecite o fraudolente all'interno del governo, di un'organizzazione pubblica o privata o di un'azienda, ndr). Nell'unica saletta riscaldata, in alto, sotto il soffitto con le capriate a vista, si sono succeduti gli interventi del nutrito gruppo di pentastellati che ha preparato l'evento. Costoro hanno udito la storia di 5 anni di rinvii e di ostruzioni, di problemi procedurali e politici, di opposizioni di partiti e forze sindacali oltre che di un padronato che ha trovato il modo di farsi sentire con i propri ambasciatori. Il risultato è un mezzo miracolo: una legge, un fatto, un punto di partenza.

Molte garanzie sono state salvate, altre si spera di far nascere per il futuro, ma la lotta contro la corruzione ha avuto inizio per davvero, anche considerando che dopo le linee guida che l'ANAC stabilirà, là fuori c'è già una moltitudine di persone oneste pronte a denunciare ogni tipo d'illecito. Manca ancora la totale copertura a difesa di ogni ritorsione, ma è un buon inizio. Ciò che si prepara nell'immancabile futura azione legislativa è un'altra legge a completamento della prima, quella che è ancora legata all'onere della prova a carico dell'offeso, il mobbing, l'assassinio senza reato. La nostra società è divisa in classi secondo le conseguenze decise dal lavoro, dalla sua divisione, dai suoi salari, dall'esclusione dalle attività produttive. Il lavoro, oggi come non mai, è dominato dalla corruzione e dal mobbing, far entrare la legalità in questo mondo servirà non solo a temperare il suo carattere anarchico e pre-civile, ma libererà tutte le forze di buona volontà che aspettano il riconoscimento dei loro meriti, per anticipare altri e più importanti obiettivi.

Giuseppe Di Maio


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network