Quotidiano | Categorie: Fatti, Politica

Maurizio Conte (Veneto per l'Autonomia): "è il Consiglio che voterà fiducia a Luca Zaia o è lui che sfiducia Consiglio?"

Di Note ufficiali Martedi 12 Settembre alle 22:15 | 0 commenti

ArticleImage

"Bisogna cambiare il nome all'istituto oggetto della modifica statutaria che stiamo discutendo oggi in aula: non si tratta più di una questione di fiducia nei confronti di Luca Zaia. In realtà, sembra la sfiducia di Zaia nei confronti dei Consiglieri di maggioranza: forse il Governatore non si fida più della tenuta di questa coalizione?". Con queste parole, il Consigliere regionale Maurizio Conte ha iniziato il suo intervento in aula nel corso dell'esame della proposta di revisione statutaria volta ad introdurre la questione di fiducia nella forma di governo regionale.

"Ma la fiducia - puntualizza Conte - è un potere che il Presidente ha già di per sé; il Presidente infatti ha il potere di mandare tutti a casa per tanti motivi: perché non esiste una maggioranza oppure perché non si conseguono gli obiettivi del programma elettorale. Lo può fare in qualsiasi momento, indipendentemente dalla volontà della Giunta e dei Consiglieri".
"Oltre a questo aspetto - puntualizza - dobbiamo ricordare che questa modifica dello Statuto comporta anche una modifica al Regolamento, per dipanare i dubbi di concreta applicabilità del nuovo istituto. Ci sono poi altri aspetti: la fiducia, com'è ribadito nel testo di legge, potrà essere posta sul bilancio e ad atti collegati. Ma potrà essere richiesta anche su norme relative all'istituzione di tributi e imposte: e cosa sarebbe successo se avessimo posto la fiducia per l'addizionale IRPEF in relazione alla questione della Pedemontana? La fiducia può essere posta su materie particolarmente rilevanti per la collettività regionale: avessimo messo la fiducia sui vaccini, forse saremmo andati a casa ancora una volta per vedere il giorno dopo, invece, ritirato un decreto che forse era illegittimo. Abbiamo forti dubbi sulle materie che possono essere oggetto di fiducia: bene accelerare le procedure, ma non vorrei che arrivassimo a risultati che vanno contro gli interessi dei veneti. Sarebbe opportuno pensare a un'altra modifica dello statuto e magari rivedere le norme sugli assessori esterni".
"Basta ridurre la democrazia - aggiunge Conte - se questo è l'obiettivo di Zaia e della maggioranza, si prendano la loro responsabilità. Dobbiamo ricordare che però ci sono altri passaggi che possono essere utilizzati nell'ambito della modifica dello statuto, e lo suggerisco proprio ai colleghi del Movimento 5 Stelle, possiamo chiedere il referendum senza quorum. Altrimenti, se la volontà è quella di ridurre i tempi, e se come consiglieri di minoranza non possiamo più contribuire ai passaggi fondamentali nell'ambito dell'approvazione di testi di legge, inizieremo a fare lo sciopero dei consiglieri con conseguente riduzione dello stipendio. Quale fiducia avremo, nei confronti di un Presidente che magari il prossimo anno, per incarichi governativi, abbandona la Regione e decide di andare a Roma? Questo Presidente ha ricevuto la fiducia per quello che è un mandato legato al governo di questa Regione senza pensare che a metà del mandato abbandoni il Veneto e abbandoni soprattutto quelli che erano gli obiettivi programmatici. Allora dovremo avere anche noi la possibilità di esprimere fiducia verso le scelte personali di un Presidente che però coinvolge con le sue scelte personali questo consesso democratico che è il Consiglio regionale".
"I consiglieri devono essere in grado di esprimere, con le proprie scelte, ma soprattutto con il proprio pensiero - conclude Conte - una libertà di coscienza, rispondendo non ad un Presidente, non ad una Giunta, non ad una maggioranza, ma al popolo Veneto".

Leggi tutti gli articoli su: Maurizio Conte, Luca Zaia

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Sabato 23 Settembre alle 07:15 da kairos
In L'on. Daniela Sbrollini decide di non candidarsi alle primarie del centro-sinistra per la carica di sindaco di Vicenza

Giovedi 21 Settembre alle 17:38 da Kaiser
In Sanità, l'on. Daniela Sbrollini (PD): "prometto battaglia contro il declassamento del Veneto dei servizi di neuropsichiatria infantile"

Giovedi 21 Settembre alle 17:36 da Kaiser
In Figuraccia per multe a tifosi basket in via Carducci a Vicenza. Tosetto e Ammendola (FI): “parcheggi insufficienti per evento europeo, comune doveva pensarci prima!”
Gli altri siti del nostro network