Quotidiano | Categorie: Fatti

Eccidio di Schio, due persone denunciate per aver fatto il saluto fascista

Di Monica Zoppelletto Lunedi 17 Luglio alle 15:36 | 1 commenti

ArticleImage

E' di due persone denunciate il bilancio delle manifestazioni per la commemorazione dell'eccidio di Schio avvenuta il 7 luglio. Ad essere denunciati per fatto il saluto fascista sono stati: P.F. 45Enne di Schio e M.G. 21 anni di Piazzola sul Brenta. In occasione della ricorrenza dell'eccidio è stata celebrata una messa dal vescovo e dopo la liturgia per le piazze scledensi sono state fatte due manifestazione, una dell'Anpi e una organizzata dal comitato 7 luglio. Il Questore di Vicenza, Giuseppe Petronzi, aveva indicato il percorso, per il Comitato 7 luglio, da seguire per arrivare davanti la biblioteca civica.

Inoltre il Questore aveva imposto di rispettare la normativa della legge Mancino che sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all'ideologia nazifascista e aventi per scopo l'incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali. La legge punisce anche l'utilizzo di simbologie legate a suddetti movimenti politici. Alla fine della commemorazione davanti alla biblioteca che quando fu commesso l'eccidio era un carcere, due delle circa settanta persone presenti hanno fatto il saluto fascista. La polizia scientifica ha fotografato il gesto e la Digos ha poi identificato i soggetti che sono stati denunciati all'autorità giudiziaria.

Leggi tutti gli articoli su: legge Mancino, Giuseppe Petronzi
Commenti

Inviato Martedi 18 Luglio alle 07:09

Il pugno chiuso innalzato dalla Moretti e il fazzoletto rosso di variati simboli del komunismo totalitario non sono perseguibili come il saluto romano.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

oggi alle 14:53 da kairos
In Torrione di Porta Castello, per Andrea Chimetto coordinatore provinciale dei Rappresentanti d'Istituto: bufera politica esagerata

oggi alle 07:31 da kairos
In Sicurezza, PrimaNoi: "Le proposte dell'opposizione non rappresentano la vera soluzione al problema"

oggi alle 07:28 da kairos
In Mons. Francesco Gasparini a Valmarana: "ecco le carte della Fondazione Roi per acquisto del ritratto del vescovo Priuli ora al Museo Diocesano. Mai chieste dimissioni ai 4 membri del Cda scelti da Zonin". ViPiù: dove sono le altre carte?
Gli altri siti del nostro network