Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende, Lavoro

È nato Usarci Veneto: rappresenta le sette sedi venete del sindacato degli agenti di commercio. Presidente è Franco Roccon, Domenico Marsella rappresenta Vicenza

Di Note ufficiali Giovedi 28 Dicembre 2017 alle 12:59 | 0 commenti

ArticleImage

E' nato Usarci Veneto, l'organismo regionale che rappresenta unitariamente le sette sedi venete del sindacato degli agenti di commercio. Segretario è stato designato Franco Roccon, presidente di Belluno.
«Il primo obiettivo del nuovo organismo - spiega lo stesso Roccon - è già stato raggiunto: entrare nella Consulta per l'Autonomia regionale, a cui aderiscono le associazioni di categoria venete e che è stata istituita a seguito del risultato referendario del 22 ottobre. L'organizzazione degli agenti di commercio sarà in questo modo rappresentata nella Consulta, diventando il referente istituzionale per le competenze economiche e formative di settore».

Già pronte alcune istanze che verranno presentate all'interno della Consulta: si va dall'accesso ai fondi per la formazione (legata soprattutto agli strumenti più innovativi), alla riduzione delle tariffe autostradali, alla possibilità di entrare liberamente nei centri storici delle città venete...
«Il patrimonio di professionalità e di esperienze che l'Usarci ha accumulato fin dal 1948 è un prezioso "capitale" che si intende mettere a disposizione di tutte le forze politiche impegnate nella trattativa con il Governo centrale per l'autonomia veneta», conclude Roccon.
Di Usarci Veneto fanno parte tutti i presidenti provinciali del sindacato: Paolo Garcea (Padova e Rovigo), Stefania Camarotto (Treviso), Pietro Lunardi (Venezia), Massimo Azzolini (Verona) e Domenico Marsella (Vicenza).


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network