Quotidiano | Categorie: Politica, Economia&Aziende

Dimissioni da Aim Energy di Otello Dalla Rosa, Matteo Celebron e Lega Nord: "scelta tardiva. Sbagliato mescolare ruolo amministratore e politica

Di Note ufficiali Sabato 17 Giugno alle 18:12 | 0 commenti

ArticleImage

Le dimissioni di Otello Dalla Rosa da amministratore unico di AIM Energy sono tardive, dice Matteo Celebron, segretario cittadino della Lega nord, nella nota che pubblichiamo. Dalla Rosa ha approfittato del ruolo di amministratore pubblico per un tornaconto politico personale, utilizzando però risorse di AIM". Lo afferma Matteo Celebron, segretario cittadino della Lega Nord che attacca duramente il candidato del Partito Democratico in corsa per la poltrona di Sindaco della città. "Dalla Rosa - afferma Celebron - nell'ultimo periodo ha sfruttato il ruolo di amministratore di AIM Energy per svolgere attività afferenti all'associazione politica da lui guidata, utilizzando quindi nome e risorse di un'azienda pubblica solo per mero interesse personale".

"Le dimissioni - continua Celebron - sono orami tardive. Arrivano solo dopo che Dalla Rosa, per l'ennesima volta, aveva utilizzato il suo ruolo di amministratore per pubblicizzare l'associazione politica da lui presieduta".
"Chiediamo al Sindaco - conclude Celebron - che ricordo detiene il 100% di AIM, non solo di difendere l'onorabilità dell'azienda, ma di pubblicare le carte delle sponsorizzazioni, dei contributi economici e degli accordi di AIM Energy con le associazioni del territorio. E' gravissimo che un amministratore utilizzi una società pubblica a fini personali, ancor di più se lo stesso si candida a guidare la città".

Leggi tutti gli articoli su: Lega Nord, Aim Energy, Matteo Celebron, Otello Dalla Rosa
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

ieri alle 17:09 da zenocarino
In La Soprintenza non definisce museo la Basilica Palladiana, ma almeno la Fondazione Roi non dovrà dare più dei 100.000 euro già assegnati alla mostra di Van Gogh: lo dice, ma anche no, Achille Variati
Gli altri siti del nostro network