Quotidiano | Categorie: Fatti

Corriere del Veneto: Consoli, doppia causa a Veneto Banca. L’ex Dg vuole 3,5 milioni di liquidazione

Di Rassegna Stampa Venerdi 21 Aprile alle 09:03 | 0 commenti

ArticleImage

Dal suo punto di vista, è persino coerente: Vincenzo Consoli, ex direttore generale ma soprattutto deus ex machina di Veneto Banca,vuole i suoi soldi - più correttamente, quelli che lui ritiene siano i soldi che gli spettano - e li vuole tutti. Per la precisione, sono la bellezza di 3 milioni e mezzo di euro. È questa la cifra per incassare la quale Consoli ha trascinato Veneto Banca in giudizio, davanti al Tribunale del lavoro di Treviso, con due distinti ricorsi che il giudice ha riunificato (per la cronaca, la prima udienza, interlocutoria, si è tenuta la settimana scorsa). Ciò che l'ex direttore generale, indagato (e arrestato) con le accuse di aggiotaggio e ostacolo all'attività di vigilanza, pretende dalla sua vecchia banca, è il pagamento di una serie di somme in conseguenza della risoluzione del rapporto di lavoro, avvenuta consensualmente il 31 luglio del 2015.

Dopo quella data, erano emerse nuove circostanze a carico dell'ex dg, tanto che la banca aveva deciso di liquidargli soltanto l'indennità di mancato preavviso, cioè 150 mila euro lordi. Consoli, invece, ritiene di avere diritto a una ben più nutrita sequela di emolumenti, previsti da uno schema di accordo sottoscritto con l'istituto di credito al momento di risolvere il rapporto. Nel dettaglio: 1,8 milioni a titolo di corrispettivo per il patto di non concorrenza valido per 30 mesi; oltre 760mila euro come penale per l'anticipata risoluzione del contratto; 900mila euro a titolo di transazione; qualche altro spicciolo (39mila euro) come differenza tra il dovuto e l'incassato per l'indennità sostitutiva del preavviso.

In totale, come si diceva, fanno 3 milioni e mezzo di euro. È superfluo aggiungere che la banca non ha alcuna intenzione di pagarli, non ha sottoscritto alcun accordo transattivo con Consoli e sta fieramente resistendo in giudizio contro il suo ex plenipotenziario. Tutti questi dettagli si apprendono da una corposa informativa, che Veneto Banca ha redatto e pubblicato sul suo sito, relativa alla remunerazione del personale dirigenziale e degli amministratori nel corso del 2016. Dal documento, corredato di tabella esplicativa con nomi cognomi e cifre, si evincono altre interessanti informazioni sulle politiche retributive della banca. Per esempio, sta scritto nero su bianco che l'attuale direttore generale Cristiano Carrus gode di un trattamento economico pari a 900mila euro l'anno - esattamente la stessa cifra che veniva corrisposta come stipendio al suddetto Consoli -, cui si sono aggiunti l'anno scorso ulteriori 225mila euro poiché Carrus assommava la carica di amministratore delegato. Cifre di tutto rispetto, anche a paragone di quanto guadagna l'attuale numero uno della consorella Popolare Vicenza (e consigliere strategico di Veneto Banca), Fabrizio Viola.

Quello che è andato a scendere, invece, è stato il compenso corrisposto ai presidenti che si sono succeduti nel turbolento 2016, prima e dopo l'ingresso del Fondo Atlante come socio di maggioranza assoluta. Pierluigi Bolla, l'imprenditore che ha retto la presidenza per 125 giorni nel corso dell'anno, ha portato a casa 168mila euro (l'emolumento su base annua era fissato in 360mila euro); il suo successore Stefano Ambrosini, che lo scalzò nella famosa assemblea del ribaltone ma resistette in carica per meno di 100 giorni, ha incassato 122mila euro; infine Beniamino Anselmi, presidente indicato da Atlante e protagonista di un altrettanto famoso «io non ci sto» (diede le dimissioni dopo nemmeno 150 giorni), è stato ricompensato con poco più di 100mila euro. Nel frattempo, infatti, il consiglio di amministrazione da lui stesso presieduto aveva ridotto il compenso annuale del presidente a 280mila euro, limato a 80mila l'appannaggio dei consiglieri ed eliminato del tutto il gettone di presenza, che prima veniva corrisposto, nella generosa misura di 250 euro a seduta, per la partecipazione alle riunioni.

di Alessandro Zuin - Corriere del Veneto


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Mercoledi 18 Ottobre alle 18:20 da kairos
In Lovato Gas, Alessandra Moretti (PD): "presenterò mozione in Regione per evitare la delocalizzazione"

Mercoledi 18 Ottobre alle 17:28 da Luciano Parolin (Luciano)
In Lovato Gas, Alessandra Moretti (PD): "presenterò mozione in Regione per evitare la delocalizzazione"

Mercoledi 18 Ottobre alle 11:28 da Kaiser
In Meri Spiller proprietaria dell'hotel Adele ora hub per richiedenti asilo: "l'ex hotel Europa sarà un 4 stelle". Forza Nuova Vicenza non crede a lei e a Variati
Gli altri siti del nostro network