Quotidiano |

Consiglio degli Stranieri, Pilan: "Con i suoi 40 voti Matteo Celebron è lui Fantozzi?". E tante donne vengono allo scoperto

Di Giulia Biasia Martedi 16 Febbraio 2016 alle 15:25 | 1 commenti

ArticleImage

"Ho controllato i voti del segretario della Lega Matteo Celebron ricevuti alle amministrative 2013: 40 voti. È lui Fantozzi?", dice Mattia Pilan, sostenitore e promotore delle elezioni del primo Consiglio degli Stranieri avvenute il 14 febbraio a Vicenza, dopo la nota del sopra citato Matteo Celebron, che ha definito "fantozziani" i numeri dei votanti stranieri. "Il dato dell’affluenza, che non ha superato il 14% - agginungeva il segretario del Carroccio - è una pietra tombale sui progetti e i proclami fatti dall’amministrazione, che si augurava la partecipazione di oltre 3000 votanti. Il dato è molto più basso e certifica in maniera inequivocabile il fallimento di questo progetto."

Rosas Rolando della lista Civica Convivenza VicenzaEppure Rosas Rolando, neoeletto della lista Civica Convivenza Vicenza, ha preso 194 preferenze, da persone che, per stessa definizione di Matteo Celebron, erano poco interessate. E non è l'unico ad aver preso più voti del segretario della Lega: Parovyak Ganna ne ha ricevuti 160, Sher Alaf 131...
"In questo paese abbiamo un Presidente del Consiglio non eletto dai cittadini, dei parlamentari non votati perché inseriti in liste bloccate, un senato quasi decaduto e, sui media locali, destra e Lega urlano a fran voce che l'affluenza alle prime elezioni del Consiglio degli Stranieri di Vicenza è stata bassa e quindi non rappresentativa. Sono andate a votare più di 1500 malgrado sia stata fatta una campagna elettorale in tre settimane senza manifesti, né mezzi, né denaro, rivolta a persone che in gran parte non hanno mai votato in vita loro e non sanno neanche bene l'italiano, né leggono i nostri giornali. Siamo proprio un paese strano", dice Pilan.
Di sicuro gli "stranieri vicentini" dovranno utilizzare di più lo strumento di partecipazione che hanno conquistato e ottenuto da una città, ufficiale e reale, che si è dimostrata più aperta di quella, minoritaria, legata a vecchi stereotipi, molto sensibili ai movimenti della "pancia" che spinge a togliere diritti e non ad estenderli senza danneggiare chi liha storicamente.
Ma in attesa di un maggior coinvolgimento, magari promosso anche dai media, ora sarà importante la "qualità", più della quantità, del lavoro per tutti dei 21 eletti, 11 uomini e 10 donne.
Un dato da "quote rosa" ancora più significativo perchè sempre gli stereotipi disegnano un ruolo di secondo piano delle nella maggior parte delle loro comunità di appartenza.
Se queste elezioni fossero servite anche solo a "far venir fuori" e alla luce del sole della buona politica donne musulmane e di altre religioni più tradizionaliste, ebbene sarebbe già un gran bel risultato.
Superiore e di esempio a miglaia di altre iniziative di facciata e spesso solo mediatiche per una integrazione con noi (italiani di origine), tra di loro (stranieri che sono ogni giorno di più italiani) e tra uomini e donne, del mondo.
Voto più, voto in meno.


Commenti

Inviato Mercoledi 17 Febbraio 2016 alle 08:03

Un'elezione dovrebbe essere valida solo e soltanto se partecipasse almeno il 51% degli avcenti diritto, altrimenti che democrazia è?Quella dei soliti poltiicanti che fanno finta, come nelle elezioni scolastiche dove non partecipa quasi nessuno, di essere democratici!
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network