Quotidiano | Categorie: Politica, Fisco

Commissario per Medio Chiampo e Acque Chiampo?

Di Redazione VicenzaPiù Sabato 22 Maggio 2010 alle 15:28 | 0 commenti

ArticleImage

Il consigliere regionale Pietrangelo Pettenò (Rifondazione - sinistra europea, nella foto) chiede il commissariamento di Acque del Chiampo spa e di Medio Chiampo spa.

La richiesta è contenuta in una interrogazione urgente presentata ieri alla giunta regionale e resa nota dallo stesso consigliere.

Al momento i diretti interessati non hanno replicato, ma l'iniziativa potrebbe provocare una ennesima burrasca politica visto che l'argomento è strettamente collegato alla maxi inchiesta penale sul mondo delle concerie che da più di un anno impegna gli inquirenti coordinati dalla procura della repubblica di Vicenza.

PRIMO AFFONDO. Il primo affondo di Pettenò riguarda la posizione di Renzo Marcigaglia, attuale presidente di Acque Chiampo (la spa pubblica gestisce il ciclo idrico di diversi comuni del comprensorio arzignanese, reflui conciari inclusi). Il presidente, ex consigliere comunale di Arzignano in quota al Pdl e poi al Carroccio, viene considerato nella cerchia dei fedelissimi del primo cittadino arzignanese Giorgio Gentilin (Pdl).

Peraltro già il 14 maggio la stampa locale aveva dato notizia di una indagine penale per corruzione proprio a carico di Marcigaglia, non nella sua veste di manager pubblico, ma nella sua veste di privato imprenditore. Pochi giorni dopo Gentilin aveva confermato la fiducia al presidente di Acque del Chiampo e la qual cosa aveva scatenato le minoranze di centrosinistra ad Arzignano nonché altri consiglieri comunali di alcune municipalità limitrofe, le quali sono servite dalla stessa azienda. Pettenò evidenzia questo stato di cose e mette in rilievo anche un ipotizzabile conflitto di interessi in capo a Marcigaglia («noto imprenditore edile con società attive anche nelle reti fognarie»).


MEDIO CHIAMPO. Il consigliere regionale però punta l'indice anche nei confronti di Medio Chiampo, la spa sorella di Acque Chiampo che serve le municipalità di Gambellara, Montebello Vicentino e Zermeghedo. L'interrogazione parla chiaro: "In contemporanea all'emergere dei suddetti fatti di concorrenza sleale e di scarsa etica nel mondo economico la Medio Chiampo di Montebello si trova, come dichiarato pure dall'assessore provinciale all'ambiente Antonio Mondardo (Lega Nord, Ndr) durante il consiglio provinciale del 18 maggio 2010 ad operare con comportamenti gestionali ‘fuori norma' dal punto di vista ambientale, nonché in una situazione di possibile crisi finanziaria". Tali condizioni inducono lo stesso assessore a dire, stando a Il Giornale di Vicenza del 19 maggio 2010, che l'operato di Medio Chiampo "mette a rischio l'intero sistema di depurazione del distretto della concia".

Sicché la situazione rimane tesa. Anche perché da un paio d'anni Pier Giorgio Rigon, presidente di Medio Chiampo spa, è nel mirino dei sindacalisti della Cgil la quale teme non solo cali occupazionali, ma pure il perdurare di condizioni di lavoro che potrebbero nuocere alla salute dei dipendenti. L'azienda infatti tratta direttamente i pericolosi fanghi di conceria. Di più, sempre Rigon risulta coinvolto in una inchiesta della procura di Vicenza per la vicenda dei cosiddetti dati taroccati al depuratore di Montebello. Inchiesta che aveva suscitato una bufera a Vicenza e provincia quando il 9 aprile 2010 la stampa locale rese noti sessanta nomi tra manager pubblici, politici e imprenditori finiti nelle maglie di una indagine della magistratura in precedenza raccontata pure su Canale 5 da "Striscia La Notiza".


LE REAZIONI. Al momento però non si conoscono le reazioni della giunta regionale capitanata dal leghista Luca Zaia. Allo stesso modo non si conoscono le reazioni del sindaco Gentilin. Quest'ultimo intanto secondo quanto riferisce Il Giornale di Vicenza di oggi a pagina 37 ha annunciato che il giorno 25 giugno la Fondazione città di Arzignano renderà noti i dati definitivi di una ricerca scientifica per valutare la compatibilità tra la presenza delle concerie (con i reflui e i fanghi del caso) e la salute delle persone.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network