Quotidiano | Categorie: VicenzaPiù, Spettacoli&Cultura, Informazione, Cinema, Dal settimanale

"C'era una volta lo scalpellino", il film documentario di Stefano Bortoli

Di Antonio Seganfreddo | Martedi 1 Maggio 2012 alle 15:24 | 0 commenti

ArticleImage

Il vecchio mestiere dei tonezzani, raccontato dalle vite dei fratelli Guido e Orlando Longhi emigrati dall’Altopiano in Francia

Di Antonio Seganfreddo (curatore della fotografia e del video editing), da VicenzaPiù n. 233

Il film documentario “C’era una volta lo scalpellino” è stato scritto e diretto da Stefano Bortoli curatore del museo di prossima costruzione dedicato proprio alle figure degli scalpellini, lavoratori della pietra e figure storiche della comunità Tonezzana. 

Il documentario si sviluppa a partire da una breve storia dell'altopiano di Tonezza per poi fare un viaggio attraverso la vita degli scalpellini raccontata attraverso documenti storici e ricostruzioni cinematografiche della loro attività inserita nei primi anni del 1900. Il viaggio poi apre una lunga parentesi sulla figura dei fratelli Guido e Orlando Longhi, due tonezzani che come molti altri sono emigrati all'estero per cercare lavoro ed hanno fatto la loro fortuna in Francia dove si sono stabiliti Un'immagine del film per il resto della loro vita senza dimenticare la loro terra d'origine. A pochi mesi dalla sua morte si è riusciti a raccogliere una testimonianza toccante di Orlando Longhi il quale ha raccontato l'incredibile storia della sua vita di emigrato e poi di artista riconosciuto a livello nazionale. Il documentario oltre che ad essere un opera di ricostruzione ed indagine storica, vuole trasmettere i valori positivi che hanno caratterizzato la figura degli scalpellini e di una mentalità che ora fa parte della nostra storia. Ne parliamo col regista Stefano Bortoli.


Da dove nasce l'idea di fare "c'era una volta lo scalpellino"?
 
All’interno del progetto per il nascente museo dello scalpellino che sarà sito in Tonezza, si è pensato di produrre un documentario a carattere storico da proiettarsi al suo interno, con la conduzione del curatore che accompagna i visitatori in un viaggio attraverso al storia degli scalpellini di Tonezza.

 

In che modo e con quale stile è stato realizzato il documentario?

Basandosi sui format di divulgazione storico scientifica, ho pensato di proporre un film documentario nel quale io in prima persona ripercorrevo i luoghi della storia che si andava a raccontare, con degli inserti a carattere cinematografico nei quali degli attori recitavano uno spaccato della vita quotidiana di queste figure storiche, le quali lavoravano quotidianamente all’interno di cave di pietra.
 

Quali le locations del documentario?
 
come luogo centrale della produzione c’è stata Tonezza del Cimone per l’appunto, successivamente siamo saliti nella regione dell’Alsazia in Francia per raccontare la storia dei fratelli Longhi, due artisti tonezzani emigrati all’estero come molti altri italiani in cerca di fortuna. Per le scene di fiction girate all’interno della cava abbiamo trovato una location interessante in località Rubbio, gentilmente concessaci dai proprietari per effettuare le riprese.

   
Ci sono state delle difficoltà nella realizzazione?

 

Come in ogni buon lavoro che si rispetti ci sono sempre delle difficoltà e degli imprevisti, ecco perché cercando di prepararsi al meglio alla fine si riesce a superare gli ostacoli che  frappongono inevitabilmente durante il percorso produttivo.

 

Quanto conta il lavoro di squadra?
 
Sembra una frase banale: "l'unione fa la forza" ma sicuramente ha in se una verità fondata sulle capacità di ognuno. tutti quelli che hanno lavorato a questo progetto hanno messo a disposizione le loro conoscenze in campo
sia artistico che tecnico e per altri aspetti anche esperienze in campo logistico/organizzativo senza dimenticare il laborioso contributo burocratico e legale  per ciò che concerne la pre-produzione,
produzione e post produzione di un film. senza il contributo di ognuno non si sarebbe creato niente.
 
Progetti futuri?
 
Un film, in effetti un lungometraggio, dedicato ad una persona “speciale” conosciuta e stimata da migliaia di persone che nel corso della sua vita ha saputo dare speranza a intere generazioni.

 

Leggi tutti gli articoli su: VicenzaPiù n. 233, scalpellino, Stefano Bortoli
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Giovedi 21 Agosto alle 05:38 da enzucciu
In Inquinamento pozzi è figlio dello stupro della natura: lo scopre anche Variati. Che "devia"...
Il sindaco Variati dovrebbe chiedere che le analisi li paghi chi ha inquinato. Farebbe bene anche ad interessarsi di più della salute dei cittadini, per esempio appoggiando subito la richiesta di ISDE (Associazione dei Medici per l'Ambiente) e di altri di un'indagine epidemiologica seria anche sui vicentini della Bertesina che hanno bevuto per chissà quanto tempo acqua al cloruro di vinile o di quelli attorno all'oasi di Casale. Per il sindaco Variati e i dirigenti dell'ULSS6 il cloruro di vinile, cancerogeno certo, non ha provocato alcun danno nei vicentini che, evidentemente hanno sviluppato anticorpi protettivi contro le sostanze cancerogene che altrove producono effetti tossici sulle popolazioni esposte. Potrebbe anche decidersi a pubblicare sul sito del comune i dati sulle cause di mortalità a Vicenza in base alle copie delle schede di mortalità che i medici compilano per ogni deceduto, in modo che chi, come noi, è interessato, possa elaborare i dati correlandoli con le situazioni ambientali più delicate per cercare di stabilire se vi sono stati danni per la salute della popolazione esposta. Potrebbe anche chiedere cosa ne pensa l'Ordine dei Medici di Vicenza che in tutte le vicende ambientali più spinose ha sempre mantenuto un ossequioso silenzio, al limite della complicità.
Variati e le altre autorità cittadine potrebbero anche dare il buon esempio e partecipare al sondaggio on line ?Indagine epidemiologica sulla prevalenza delle malattie da sostanze perfluoroalchiche (PFAS) in Veneto? organizzato da ISDE Vicenza all?indirizzo https://docs.google.com/forms/d/1iYK9dH92MNm2m0KLrQil8HLna5mKK2tjqV_5VpvQt9Y/prefill

Vincenzo Cordiano, presidente della sezione di Vicenza dell'Associazione dei Medici per l'Ambiente- ISDE Italia.
Gli altri siti del nostro network