Quotidiano | Categorie: Politica

Caso Quero: l'ex amministratore Amcps tra privilegi suoi e ombre generali

Di Pietro Zanella Lunedi 13 Febbraio alle 23:14 | 1 commenti

ArticleImage

"Al momento non c'è nulla di penalmente rilevante, né in Italia né in Germania" specifica l'avvocato Paolo Mele, difensore di Matteo Quero, imprenditore vicentino nel settore pratiche auto, ex politico e ora anche ex amministratore unico di Amcps dopo essere stato fermato, al ritorno in auto da una vacanza ad Amsterdam, con 150 grammi di marijuana e 15 grammi di hashish. Il controllo delle autorità tedesche alla frontiera con l'Olanda è avvenuto lo scorso 16 dicembre. Dopo il ritrovamento delle sostanze stupefacenti, Quero trascorse la notte in cella in attesa di essere ascoltato da un magistrato, a cui avrebbe spiegato "E' per uso personale". Fortuna sua che oltre confine le leggi siano diverse da quelle vigenti nello Stivale, dove, dopo la Bossi-Fini, avrebbe rischiato conseguenze ben più gravi.

"La legge tedesca distingue tra droghe pesanti e sostanze stupefacenti - spiega Mele -. Inoltre, la concezione di uso personale è diversa che da noi. Nel caso in questione il giudice tedesco ha potuto eliminare l'ipotesi della detenzione ai fini dello spaccio perchè il mio assistito ha un determinato reddito, dunque è credibile che abbia potuto comprare quel quantitativo per fare scorta" .
Morale della favola, M.Q. dovrà probabilmente "solo" pagare un'ammenda.

Buon per lui, ma il caso apre un certo numero di interrogativi e di riflessioni, non solo politiche.

In primo luogo va analizzato il paradosso che la poltrona da manager affidatagli dal sindaco Achille Variati sia servita, prima di diventare bollente, come scudo per evitare processi. L'uso personale, allargato alla tedesca, non è certo un tema utilizzabile dai "poveracci" fermati con qualche grammo in Campo Marzo. Sul mercato nero cittadino 150 grammi di marijuana costano al dettaglio circa 1500 euro e con lo "sconto", visto il quantitativo non certo esiguo, si arriva a mille. Negli anni della crisi, più che una scorta è un investimento. Quel quantitativo è una provvista per un consumatore abituale che, ragionando a "spanne", può durare per svariati mesi: per ogni "canna" ci sono al massimo 0,5 grammi di droga mescolati a tabacco. 150 grammi sono, dunque, tanta roba, è proprio il caso di dire: trecento giorni di fumo se ad uso solo personale...
C'è poi la questione dell'opportunità. Nessuno mette in discussione la buona fede di quanto dichiarato dall'ex manager di Amcps, ma è chiaro che un viaggio in macchina attraverso l'Europa è sicuramente un metodo meno rischioso per trasportare sostanze stupefacenti che quello di passare per la dogana di un aeroporto attrezzato come quello di Amsterdam. Un particolare che, se si trattasse di uno sconosciuto mister X, potrebbe portare a fare considerazioni diverse da quelle sentite in questi giorni. Nell'ordine e semplificando: "Ha sbagliato, deve essere rimosso"(Variati), "La responsabilità politica è di chi lo ha messo li" (Forza Italia e Movimento 5 Stelle, Lega Nord cittadina) "è stato "mona" (Bulgarini). Nessuno che abbia chiesto di aprire un'indagine. "A Vicenza, non mi risulta sia stato aperto alcun fascicolo", ha dichiarato l'avvocato Mele, ribadendo che non ci sarebbe nulla di penalmente rilevante. Ovviamente la certezza che chi di dovere, venendo a conoscenza di una eventuale notizia di reato non abbia fatto partire una serie di accertamenti, non c'è, ma è una questione che resta aperta. Un filo rosso che pone un interrogativo anche su quello che è avvenuto dopo il fermo di Quero. I dirigenti di Aim e l'Amministrazione comunale sono stati colti di sorpresa dall'esplosione del caso: "Non sapevamo", Ma allora chi sapeva? Perché nessuno ha comunicato l'accaduto ai superiori di Quero? E perchè lo hanno saputo i giornali, che giustamente hanno pubblicato la notizia?

"Quando un cittadino italiano viene sottoposto a fermo in Germania, il fascicolo viene trasmesso tramite l'Interpol al Ministero che a sua volta lo segnala alla Prefettura della città dove il cittadino risiede - racconta l'avvocato Mele-. Come questa notizia sia arrivata ai giornali è un mistero".

Un altro...

Commenti

Inviato Martedi 14 Febbraio alle 06:22

Ma in Olanda o Paesi Bassi
Nei Paesi Bassi sono punibili le seguenti attività, sia per la cannabis sia per le droghe pesanti:

il commercio (importazione/esportazione)

la vendita

la produzione

la detenzione.

L'uso di droghe non è punibile
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

Domenica 21 Maggio alle 09:24 da Draghi
In Grazie a Gianni Zonin, Achille Variati, Confindustria e i loro sodali ecco la triste immagine di Vicenza in Italia: è... la Verità

Domenica 21 Maggio alle 09:22 da Draghi
In Domande e un po' di sana polemica dopo la vernice di "Roi. La Fondazione demolita": su tutto la meraviglia delle mancate denunce contro cda targati Zonin. Che ancora incombe
Gli altri siti del nostro network