Quotidiano | Categorie: Fatti

Caccia, Donazzan: procuratore Cappelleri smentisca non riconoscimento normativa

Di Redazione VicenzaPiù | Giovedi 26 Luglio 2012 alle 23:21 | 1 commenti

ArticleImage

Elena Donazzan, Assessore regionale - "Si sa che "radio scarpa"tra i cacciatori va per la maggiore, ma si sa anche che "vox populi vox dei" ed è per questo che i miei contatti sul territorio mi hanno allertata". Lo dichiara l'assessore regionale Elena Donazzan che aggiunge: "La preoccupazione del mondo venatorio, sempre più oggetto di una aggressione ideologica da parte di gruppi di anti-caccia, mi rendo conto essere penetrata anche laddove non dovrebbe".

"Scriverò al nuovo Procuratore di Vicenza - precisa Donazzan - perché smentisca le indiscrezioni secondo le quali, gli Uffici giudiziari vicentini, non riconoscerebbero la normativa regionale recentemente approvata in tema di appostamenti di caccia e terrebbero atteggiamenti interpretativi particolarmente rigidi e colpevolisti".

"Sono certa che la Procura di Vicenza - conclude l'assessore regionale -, che ha ben più importanti impegni di lotta al crimine, anche in campo ambientale, sappia apprezzare l'intervento del legislatore regionale in termini di chiarezza e competenza e possa così, nella propria legittima azione di verifica, distinguere tra un reato ambientale ed un capanno di caccia".

Commenti

Beppino Mattiello
Inviato Sabato 28 Luglio 2012 alle 18:52

"aspetta e spera...", cantavano una volta. Probabilmente, oltre ai capanni, è in arrivo una nuova tegola dall'Europa in merito alla caccia in deroga. Chi pagherà le sanzioni?
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti
Gli altri siti del nostro network