Quotidiano | Categorie: Politica, Fatti

Bretella dell'Albera: un primo raggio di sole. Ma incombono criticità idrauliche e di consistenza del terreno

Di Paolo Dal Dosso Domenica 24 Settembre 2017 alle 13:54 | 4 commenti

ArticleImage

"Un'interrogazione parlamentare svela la durata dei lavori, ma Arpav e consorzio Alpi orientali aggiungono nuovi dubbi": così recitava il sommario dell'articolo inviatoci dal nostro corrispondente a Roma Paolo dal Dosso venerdì scorso, 22 settembre. Ci scusiamo con lui per il ritardo nella pubblicazione, che toglie a noi e ai nostri lettori... un'anteprima e a lui la soddisfazione professionale di esser sul pezzo. Ma, non a nostra discolpa ma per pura cronaca e con ammissione delle mai sufficienti risorse umane a nostra disposizione, vi ricordiamo che abbiamo dovuto traslocare grazie a chi ci ama...

E allora, tra scatoloni da svuotare in Strada Marosticana n. 3, la nostra nuova sede, che fu anche al prima, e la fibra non ancora installataci (W l'Italia - 4.0, il meno non è un errore) eccoci qui a pubblicare in ritardo anche se col solito, ma incrementabile, impegno. Grazie lettori per la comprensione, scusa Paolo per averti stressato nel chiederti il pezzo per poi pubblicarlo solo oggi.
Il direttore

 

Bretella dell'Albera: un primo raggio di sole. Ma incombono criticità idrauliche e di consistenza del terreno

Un'interrogazione parlamentare svela la durata dei lavori, ma Arpav e consorzio Alpi orientali aggiungono nuovi dubbi 

di Paolo dal Dosso

720 giorni. Tanto dureranno i lavori di costruzione della Bretella dell'Albera che la città di Vicenza attende da anni. È Antonio de Poli dell'Udc, membro della commissione industria, commercio e turismo ad aver presentato in Senato un'interrogazione alla quale il governo risponde indicando la durata di quasi due anni a partire dall'avvio dei lavori.
Parliamo della variante alla provinciale 46 del Pasubio per collegare viale del Sole a Costabissara, in località Moracchino. E' il primo lotto per lo stralcio del progetto che competerà la tangenziale di Vicenza, che collegherà via Aldo Moro con viale del Sole. Il finanziamento per questo primo stralcio è di 92,54 milioni, di cui: 54 milioni sul contratto di programma del 2014; 18,36 milioni a carico di Autostrada Brescia-Pordenone: 20 milioni a carico della Regione Veneto.
Ad aggiudicarsi la gara d'appalto il 15 luglio 2016 (il bando della gara era stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2014) è stato il consorzio Integra contro il quale l'impresa Cerruti, seconda classificata, aveva notificato un ricorso al Tar senza però depositarlo, per cui è decaduto. Non si possono, quindi, imputare ai ricorsi i ritardi dell'opera, che dal 27 gennaio 2017 entra in dirittura d'arrivo con la stipula del contratto di appalto tra Anas e Integra, che ha consegnato nello scorso mese di luglio il progetto esecutivo.
Tutto a posto, quindi? Nemmeno per sogno: tutto, inspiegabilmente, si blocca. Ci pensa il comitato dell'Albera che incontra informalmente il viceministro a infrastrutture e trasporti Riccardo Nencini a Vicenza il 2 settembre, e gli consegna una lettera aperta per il minstro Del Rio (clicca qui).

Dopo soli 3 giorni il MIT (Ministero infrastrutture e trasporti) risponde telefonicamente, ed ecco svelato il mistero: a mettersi di traverso, a pochi giorni dall'inizio dei lavori, sembrano essere stati l'Arpav (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto), che individua criticità idrauliche nel percorso, e il consorzio Alpi orientali. che paventa problemi sulla consistenza del terreno. Quindi l'inizio dei lavori è bloccato in attesa di riscontri importanti per la sicurezza del tracciato. Il ministero parla di tre settimane di tempo necessario per verificare le segnalazioni, ma un altro problema si affaccia: Integra avrà, a causa di queste criticità, un aggravio di spesa e Anas quindi dovrà fare un atto aggiuntivo per aggiornare l'entità dei fondi da dare al consorzio appaltatore dell'opera.


Commenti

Inviato Lunedi 25 Settembre 2017 alle 14:05

Insistono, come se nulla fosse a identificare una necessità con le esigenze partitico - elettorali dei promotori pro bretella! Pochi, sono andati a vedere, constatare, fotografare, il percorso dietro la abbazia delle Maddalene e i danni che quest'opera INUTILE provocherà nel territorio "ultima prateria di Vicenza" ai confini con Creazzo e Monteviale, comuni che stanno zitti! Si muovono SOLO (?) i pubblicitari...in campagna elettorale che fanno propaganda ai Partiti leggi PD.....Per cui, quest'opera sempre meno richiesta dalla cittadinanza, è diventata un Cavallo di Battaglia per alcuni candidati, per promuovere il ....Consenso a proprio interesse. Serve la Bretella; vogliamo le ruspe, a quando i lavori..? Da 10 anni si fanno dimostrazioni per un 'opera FASULLA..........il cui costo supererà i 100 milioni di € senza nessun risultato UTILE per i Residenti! Il rumore..si ripeterà e propagherà...nelle lande infinite della riviera. Ai posteri l'ardua sentenza...a noi il pagamento di un'opera INUTILE! Meno TIR...più Vita! Amen.
Inviato Martedi 26 Settembre 2017 alle 17:56

Purtroppo professore il continuare a mescolare, l'innovazione, la salute pubblica, il miglioramento delle infrastrutture alla politica tribale da lei perpretata provoca solamente ai lettori una mera indigestione cerebrale, come le abbiamo già spiegato dovrebbe dedicarsi a materie più consone quali le sue innate capacità scribacchine. Stia tranquillo la bretella non servirà ai suoi personali e degli antianglicani idiomi, e non sarà un vanto per destra o sinistra che sia....visto che le servono ancora le etichette. Saluti
Inviato Martedi 26 Settembre 2017 alle 18:17

Caro Fratuck, perché ti incazz..tanto? Ho espresso la mia opinione tecnica da 20 anni, sempre quella! Non vedo cosa c'entrino le mie occupazione o come impiego il mio tempo LIBERO. Lei non mi deve spiegare niente, tanto meno da chi non si firma o non si fa riconoscere, restando nell'anonimato! Male caro fratuck! L'opera la Bretella (mica sarà il progettista)? E' un inutile spreco di Territorio, di Falde Acquifere, l'ultima PRATERIA di Vicenza, immortalata al "benessere" dei camionisti o dei TIR ! Per favore, lasci perdere, non mi metterò di traverso ai suoi "ideali" camionari, fate la Tiraca, ma almeno abbia il coraggio di presentarsi! Mala tempora currunt.
Inviato Mercoledi 27 Settembre 2017 alle 12:58

Gentile professore, indirizzi qualche volta le sue controversie su altri mappali stradali, altrimenti sembra fin troppo mirato il chiodo, ci saranno sviluppi (speriamo per migliaia di persone) per via aldo moro-ospedaletto e sant'agostino-altavilla o tali infrastrutture non sono di interesse.....?
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network