Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Banche

BPVi e Veneto Banca, lunedì 9 gennaio arriva il piano rimborsi per i soci

Di Rassegna Stampa Martedi 3 Gennaio 2017 alle 09:29 | 2 commenti

ArticleImage

Sarà presentato a metà strada tra Vicenza e Treviso - Padova o Venezia - il piano dei ristori che la Popolare di Vicenza e Veneto Banca hanno congiuntamente messo a punto a favore dei risparmiatori. Lunedì prossimo, il 9 gennaio, sarà il giorno fatidico in cui il mercato sarà messo a conoscenza, da parte dei due cda, di modalità e forbici percentuali relative alla proposta di rimborso nei confronti degli azionisti che in questi ultimi anni si sono visti azzerare il valore dei loro titoli. Il piano dei ristori, primo vero tassello che compone l’impianto su cui si realizzerà la fusione tra i due istituti, è il preludio ad una serie di appuntamenti che fanno del 2017 l’anno decisivo per le due popolari del Veneto.

 Entro il 31 gennaio sarà presentato da Fabrizio Viola - ad della Vicenza e presidente del comitato strategico di Veneto Banca - il piano di fusione; a febbraio lo stesso piano sarà sottoposto all’approvazione dei cda ed entro la primavera dalle assemblee dei soci; nel frattempo si procederà con la vendita di circa 6 miliardi di crediti deteriorati e con la pulizia dei bilanci. La proposta di ristoro, attesa da mesi, punta a rimborsare attorno ail 15% del valore dell’azione al momento dell’acquisto (valore passato dai 62,3 ai 0,10 euro per azione nel caso di Vicenza e da 40,75 a 0,10 euro per Veneto Banca). La conciliazione riguarderà i soci che hanno comprato azioni negli ultimi 5-7 anni e sarà fatta una valutazione caso per caso. La somma ristorata, infatti, potrà beneficiare di benefit di natura commerciale - agevolazioni in base alla tipologia di portafoglio del socio - e sarà agganciata a valori medi coerenti tra le due banche (si deve tener presente che il prezzo di recesso è diverso, per la Popolare di Vicenza 6,3 euro per azione e per Veneto Banca 7,3, e che la valutazione e il percorso verso i piani di rimborso ha avuto nelle due banche modalità e tempi diversi). La somma che sarà messa a disposizione per i ristori beneficia non solo delle somme già accantonate in bilancio, ma anche di parte della liquidità che entro il prossimo giovedì il fondo Atlante si è impegnato a immettere in un’unica soluzione: precisamente, si tratta di 310 milioni per la Popolare di Vicenza e 628 per Veneto Banca; circa un miliardo versato come anticipo di aumento di capitale dal fondo proprietario delle due banche, sia per rafforzare i coefficienti patrimoniali che per soddisfare le richieste di liquidità della Bce. All’incirca, la somma destinata ai ristori potrebbe aggirarsi sui 600 milioni di euro complessivi ma dipenderà dalla quantità di consensi da parte dei soci al prospetto che si offre loro; molta della responsabilità, in questo senso, sarà appannaggio del «front office» delle due banche che avrà il compito di convincere i risparmiatori della bontà dell’operazione. Per quanto riguarda la tempistica, dalla presentazione dell’offerta di ristoro,all’incasso vero e proprio passeranno probabilmente alcuni mesi. L’apertura del tavolo di conciliazione non potrà, in ogni caso, prescindere dall’accettazione da parte dei soci della rinuncia ad attivare qualsiasi azione legale nei confronti della banca. Accanto alla proposta di ristoro potrebbe essere offerta ai soci anche la possibilità di accedere allo strumento finanziario del warrant - che permetterebbe di acquistare o vendere una determinata quantità di azioni ad un prezzo prefissato - che potrebbe portare il rimborso ad aumentare anche di un ulteriore 10%. L’obiettivo del piano ristori è di raggiungere almeno 90-100mila risparmiatori, riducendo così l’ammontare dei ricorsi e il rischio cause, riconquistando credibilità sul mercato e rendendo il nuovo soggetto bancario che nascerà dalla fusione più stabile e affidabile per eventuali acquirenti. C’è poi la partita delle obbligazioni: entro i primi tre mesi del 2017 scadono obbligazioni per 970 milioni per Veneto Banca e 880 per la Popolare di Vicenza. La BpVi ha deciso di rimborsare le obbligazioni subordinate scadute lo scorso 31 dicembre: una comunicazione arrivata direttamente dalla banca informa che si può scegliere tra un rimborso economico, che dovrebbe oscillare tra l’85 e il 93% del capitale inizialmente investito, oppure effettuare nuovi investimenti nell’istituto. Sullo sfondo, restano gli appuntamenti con la fusione e con la necessità di nuovo capitale per sopperire alla svalutazione dei crediti deteriorati. Àncora di salvezza sarà il fondo salva-banche da 20 miliardi appena varato dal Governo, che però potrà intervenire solo se non andranno a buon fine le operazioni di pulizia, cessioni di asset e definizione di un piano industriale sostenibile. Il quale, intervento, non «nazionalizzerà» il sistema bancario veneto solo nel caso in cui, in sede di nuovo aumento di capitale, ci sia apporto di capitale privato, cioé ci sia una valida risposta dal territorio per far rinascere gli istituti. Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca insieme hanno bruciato 11,25 miliardi di capitale, più di un quarto dei 43 miliardi complessivi che le banche italiane quotate hanno perso nel 2016. Altre due sono le questioni aperte che troveranno sviluppi nel 2017: da una parte il nodo degli esuberi (circa 2.500 complessivi), che ha avuto come apripista la firma in BpVi per l’uscita volontaria di 234 dipendenti, dall’altra le novità che arriveranno dal fronte degli iter giudiziari. Per quanto riguarda Veneto Banca, la Procura di Roma ha chiuso l’inchiesta e ora si attende il rinvio a giudizio per l’ex adVincenzo Consoli, gli ex presidenti Flavio Trinca e Francesco Favotto e altri 12 indagati. Consoli, i cui arresti domiciliari scadono il prossimo febbraio, promette battaglia. A Vicenza, l’ex presidenteGianni Zonin si è difeso dall’azione di responsabilità votata dall’assemblea dei soci agendo contro la stessa banca e declinando ogni responsabilità del disastro che ha portato al default la Bpvi.
Di Katy Mandurino, da Il Sole 24 Ore



Commenti

Inviato Mercoledi 4 Gennaio 2017 alle 00:44

Cara pachiara, se fosse più attenta a leggermi e non solo a cercare conferme per le sue opinioni avrebbe letto quanto chiede, con un mio articolo a commento, il 28 dicembre. La fiducia in me la dimostra la mia storia, personale e giornalistica, e non solo la BPVi, ma spero stavolta di averla non solo ripagata ma addirittura anticipata...
http://www.vicenzapiu.com/leggi/se-per-i-35-miliardi-bucati-di-mps-giorgio-meletti-svela-i-carnefici-vicenzapiu-ricorda-come-viola-debba-mettere-una-toppa-ai-31-mld-e-passa-di-bpvi-e-veneto-banca
Inviato Giovedi 5 Gennaio 2017 alle 21:54

Io le ho tirato le orecchie, lei lo dice non io, mai mi sarei permesso, perchè lei mi rinfacciava, sia sincera, di non a er pubblicato quello che era pubblicato da giorni... Detto questo e deto che noi ci occupiamo più di cose vicentine e venete io posso dimostralre solo una cosa: tutti, dico tutti, di qualuqnue area siano sono corrsponsabili del dramma bancario italiano e a Vicenza e in Veneto sono stati maestri nel coordinarsi per espropriare la città e il territorio salvo poi tabro poi si parla di MPS e non di BPVi e Veento banca e di chi avevano vantaggi nelle loro condotte
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 00:43 da zenocarino
In Il membro del cda Ipab Fabio Mantovani ha cambiato bandiera per puntare a Palazzo Trissino o Achille Variati ha messo la sua bandiera sul candidato di Forza Italia e Lega?

Sabato 13 Gennaio alle 18:56 da kairos
In Lettura di Parolin e Formisano su Vittorio Emanuele II, Indipendenza Veneta Vicenza Città: irrispettoso ricordare a Vicenza "il re infingardo che sottomise Terre Venete"
A CAMMILLO CAVOUR


nel 1867.

___


O nell’ora del nembo e del periglio
Sempre invocato, che più grande appari
Quanto più gonfi il trepido naviglio
4Battono i mari;

Chiuse son l’Alpi allo stranier: clemente
Rise una volta a’ popoli fortuna:
Tutte al suo desco le città redente
8Italia aduna.

Più non cercar. Delle battaglie il nome
Oh non chiedere a’ tuoi: sovra qual onda,
Sovra qual campo; e se le nostre chiome
12Lauro circonda.

A’ vincenti terribile il vessillo
Parve d’Italia: i giovani guerrieri
Volâr sull’ erta, ma con noi, Cammillo,
16Tu più non eri.

[p. 180 modifica]

Invan crebber le file: invan da’ porti
Più possente navil sciolse il nocchiero;
Non valser tante prue, tante coorti
20Il tuo pensiero.

In picciol nido l’aure interrogando,
Con poco stame a lunga tela assiso,
E l’ovra della mente ardua velando
24Di facil riso,

Gli occhi alzasti; e di fanti e di cavalli
Alla muta parola obbedïenti
Dal Cenisio sull’itale convalli
28Sceser torrenti.

E pria sul lido del remoto Eusino
Fra le pugne agitata e fra le nevi
La morta face del valor latino
32Raccesa avevi.

A’ cupi genî del Tirren custodi
Serti offrivi non visto, e taciturna
La partenza pregavi e fida ai prodi
36L’aura notturna,

Quando dell’Etna alla fremente riva
I Mille veleggiavano; portavi,
Celando sotto il mar la man furtiva,
40Le balde navi.
[p. 181 modifica]


Sparver gli avversi troni; e del tuo spiro
Che percorrea de’ novi abissi il seno,
La possa irresistibile sentiro
44Adria e Tirreno.

Itali fummo. Ed esultavi allato
Del Re più degno in Campidoglio atteso,
Quando cadevi, e dell’Italia il fato
48Parve sospeso.

Ansio cadevi dell’Olimpo al piede,
Indomato Titano. Orfana ancora
Sull’orma tua, cui pari altra non vede,
52Italia plora.

Ode di pugne inauspicate il foro
Risonar tempestoso; ed ella intanto
A’ suoi mali non trova altro ristoro
56Che sdegno e pianto.

Dell’indugio si sdegna e de’ consigli
Con gioco assiduo sul fiorir recisi;
D’altre barriere, che di monti, i figli
60Piange divisi.

O nata a non perir, stirpe fatale!
O risorgente dalle tue ruine
Popolo, che ricigni or l’immortale
64Infula al crine;
[p. 182 modifica]


De’ secoli più grande e de’ tuoi guai,
Se come in altro dì non ti è concesso
Reggere il mondo, mostra almen che sai
68Regger te stesso.
Gli altri siti del nostro network