Quotidiano | Categorie: Edilizia

Borgo Berga, le associazioni in difesa dell'ambiente: "I lavori nel lotto B sono ripartiti"

Di Redazione VicenzaPiù Venerdi 6 Novembre 2015 alle 12:02 | 0 commenti

ArticleImage

Riceviamo dalle sezioni cittadine di Legambiente, Italia Nostra Comitato contro gli Abusi Edilizi e pubblichiamo 
Il sequestro preventivo disposto dal GIP su richiesta del PM Antonio Cappelleri, per il reato presupposto di lottizzazione abusiva, conferma quanto le Associazioni Ambientaliste, i Comitati e il Movimento 5 Stelle, stanno sostenendo da tempo, attraverso esposti e diffide. 

Poco a poco la verità comincia a venire a galla, grazie soprattutto al lavoro di indagine svolto dal Nucleo Investigativo del Corpo Forestale dello Stato. L’ecomostro di Borgo Berga non doveva, né poteva essere costruito. Si tratta di un inaccettabile obbrobrio urbanistico realizzato in violazione di legge, a pochi passi dai monumenti palladiani e su un’area fragile dal punto di vista idrogeologico. Le responsabilità sono purtroppo molte e a diversi livelli. Queste interessano anche le istituzioni deputate al controllo e al rilascio delle autorizzazioni. Nell’interesse della Città ci auguriamo che possano venire tutte messe pienamente in luce. Nel contempo ci corre obbligo rilevare che il sequestro ha interessato solo il lotto E) ancora da edificare, mentre le parti in via di completamento (per intenderci quelle degli scheletri in cemento armato), non risulterebbero essere state sottoposte a sequestro giudiziario. Stante il reato presupposto che riguarda tutta l’area, non riusciamo francamente a capire come al privato possa  essere concesso di continuare ancora indisturbato l’attività edilizia negli altri lotti. Facciamo presente che proprio oggi, dopo un lungo periodo di pausa e a distanza di un giorno dal sequestro, i lavori nel lotto B) sono ricominciati. L’edificio per il quale sono in corso i lavori non solo fa parte della lottizzazione abusiva, ma non risulta rispettare le distanze legali dai corsi
d’acqua. Distanze finalizzate ad evitare le esondazioni e ridurre il rischio idraulico. Siamo pertanto
a ribadire con forza la necessità di far cessare ogni attività nell’area ex Cotorossi.
Infine, vogliamo ricordare che proprio sulle tematiche legate agli abusi (non solo edilizi) con gravi effetti sull'ambiente si è organizzata la conferenza: “La corruzione devasta l'ambiente: gli strumenti di contrasto” che si terrà Venerdì 13 Novembre alle ore 15.00 presso il Tiepolo Hotel a
Vicenza.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

ieri alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

ieri alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network