Opinioni | Quotidiano | Categorie: Politica

Bizzotto: fallita Europa statalista e delle banche, ma Barroso insiste sul modello

Di Redazione VicenzaPiù | Giovedi 13 Settembre 2012 alle 08:19 | 1 commenti

ArticleImage

On. Mara Bizzotto, Lega Nord - "Da Barroso arrivano sempre le solite parole vuote e prive di riferimento ai problemi reali della gente. Quello che a Barroso e compagnia non entra in testa è che il loro modello di Europa, statalista, centralista e tecnocratica, è già miseramente fallito, e i cittadini non sono più disposti a riporre il proprio futuro nelle mani di euroburocrati e banchieri germanofoni privi di qualunque legittimazione popolare".

Così l'Europarlamentare della Lega Nord, Mara Bizzotto, commenta l'intervento del Presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso alla sessione Plenaria di Strasburgo.

"Barroso parla di "libro blu" per risollevare le sorti dell'Unione Europea, ma i cittadini continuano a vedere nero, anzi nerissimo, quando si parla di UE - continua l'on. Bizzotto- Il modello di integrazione economica e monetaria professato da Barroso è la causa della drammatica situazione di crisi che stiamo vivendo, e non la soluzione".

"Il progetto di unione bancaria e fiscale che hanno in mente a Bruxelles porterà al definitivo asservimento dei nostri popoli al potere delle banche e delle lobby finanziarie internazionali - spiega l'on. Bizzotto- Un progetto, quello delineato da Barroso, che non porterà quindi al rafforzamento dell'Europa, bensì al suo definitivo inabissamento".

"Il futuro di una nuova Europa non può nascere a tavolino nelle stanze dei palazzi di Bruxelles, della BCE o di qualche banca d'affari internazionale - conclude Mara Bizzotto - A decidere devono essere i Popoli, non i tecnocrati: sono i popoli che devono scegliere, liberamente e democraticamente, quale nuova Europa vogliono costruire, quale moneta adoperare, quale modello economico e sociale instaurare. Il futuro si chiama Europa dei Popoli e delle Regioni, ma Barroso guarda ancora al passato".

Leggi tutti gli articoli su: Lega Nord, Europa, Mara Bizzotto, Jose Manuel Barroso
Commenti

Beppino Mattiello
Inviato Giovedi 13 Settembre 2012 alle 13:36

Barroso?! ...vuoi mettere Borghezio!
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Sabato 24 Gennaio alle 07:56 da commentariogiornale
In TAC, Leder: Vicenza è ufficialmente sotto osservazione dall'Unesco
Ma avete letto la lettera del WHC? È' una banale, seppur cortese, risposta ad una segnalazione. Pensate veramente che l'Unesco possa avere una decisiva azione sulla gestione del territorio? Vi sbagliate di grosso. La tutela delle città' e del paesaggio viene principalmente da noi stessi , dalla nostra cultura e sensibilità e non da associazioni che abbiamo creato solo per darci la parvenza di far parte di un club esclusivo. Quante città non sono iscritte nell'elenco dell'unesco e pure sono bellissime tanto quanto Vicenza.... Mi fa sorridere la sig.ra Leder, che tanto rimarca il fatto di rappresentare l'università di Ferrara magari con inglesismi tipo Department of Architecture of University of Ferrara , quando parla di pianificazione urbanistica di qualità. Mi chiedo dov'era nei decenni scorsi quando si compiva lo scempio della città con la costruzione di modeste periferie ed orrendi edifici? forse era troppo impegnata a insegnare teorie dell'urbanistica? Si perché la Prof. Leder non è' propriamente uno storico dell architettura o dell'arte o del paesaggio ma insegna "teorie" per l'appunto. Quindi perché solo ora se ne viene fuori pontificando a destra e a manca? forse la crisi spinge la gente a cercare nuove opportunità? Magari con qualche incarico ? A Vicenza non servono i professoroni, serve un serio tavolo di confronto tra e con i cittadini per ricreare quella sensibilità perduta dopo decenni di brutture. Il tema della Tav/Tac e' talmente devastante che potrebbe innescare tutto .questo .Per concludere cito un detto: "chi sa fa e chi non sa insegna".
Gli altri siti del nostro network