Quotidiano | Categorie: Fatti

Bilancio partecipativo, al via la seconda edizione con un budget più alto di 400 mila euro

Di Comunicati Stampa Venerdi 17 Febbraio alle 15:04 | 0 commenti

ArticleImage

Prende ufficialmente il via il percorso che porterà alla realizzazione del secondo bilancio partecipativo del Comune di Vicenza: anche quest'anno i cittadini potranno proporre idee per la riqualificazione degli spazi pubblici e scegliere i progetti da realizzare. A dare la notizia, dopo la positiva esperienza del 2016, che ha visto la presentazione di 44 progetti da parte di cittadini e associazioni, 32 dei quali ammessi al voto, dopo il vaglio tecnico di fattibilità, e la realizzazione dei primi tre più votati, è l'assessore alla partecipazione Annamaria Cordova. "Riproponiamo con entusiasmo l'attività del bilancio partecipativo dopo l'importante risultato dello scorso anno, che ha visto più di 4.700 persone credere in questo prezioso strumento di partecipazione, dimostrando concretamente la volontà di essere presenti e attivi per la propria città - ha dichiarato l'assessore alla partecipazione Annamaria Cordova.

Rispetto al 2016 abbiamo aumentato di 100 mila euro il budget complessivo, portandolo a 400 mila euro, con un importo per ogni progetto compreso tra 30 mila e 150 mila euro. Da lunedì 20 febbraio daremo il via, quindi, a questo percorso con i primi sette appuntamenti nelle varie circoscrizioni con l'obiettivo non solo di presentare l'iniziativa ma anche di fare gruppo in modo da lavorare assieme, sia tra cittadini che con l'amministrazione, per costruire progetti comuni e trasversali ai singoli quartieri. Con il medesimo obiettivo organizzeremo, inoltre, tavoli decentrati di progettazione tra cittadini e gruppi di cittadini e realizzeremo una sorta di bacheca on line dove condividere idee e proposte. Crediamo, infatti, che questo sia il modo migliore per attuare concretamente il senso di partecipazione alla base del progetto".

Sono ancora poche in Italia le città che si sono dotate di questo strumento, il cui intero percorso di realizzazione per Vicenza è stato approvato dal consiglio comunale nei giorni scorsi. L'importo messo a disposizione dall'amministrazione comunale per il 2017 ammonta a 400 mila euro (lo scorso anno era pari a 300 mila). Il budget per ciascun progetto dovrà essere compreso tra un minimo di 30 mila euro e un massimo di 150 mila euro. Ogni cittadino o gruppo di cittadini potrà proporre una sola idea progettuale. Sarà possibile esprimere la propria preferenza per un solo progetto sia online, sul sito del Comune, che su scheda cartacea, nelle sedi delle circoscrizioni. L'iniziativa e le tipologie di progetti presentabili saranno illustrate durante assemblee pubbliche organizzate per ciascuna circoscrizione.

Nel dettaglio, gli incontri di presentazione si terranno lunedì 20 febbraio dalle 18 alle 20 nella sede della circoscrizione 7 (in via Vaccari 107) mentre alle 21 nella sede della circoscrizione 6 (in via Thaon di Revel 44); martedì 21 febbraio alle 20.45 al centro diurno Proti (in contra' de Proti 3); mercoledì 22 febbraio dalle 18 alle 20 per la circoscrizione 5 nell'ex scuola Ghirotti (in via Lago di Fogliano 5) mentre alle 21 nella sede della circoscrizione 4 (in via Turra 70); giovedì 23 febbraio alle 20.45 nella sede della circoscrizione 3 (in villa Tacchi, viale della Pace 89); venerdì 24 febbraio alle 20.45 nella sede della circoscrizione 2 (in via E. De Nicola 8). Lunedì 6 marzo, quindi, alle 20.45, nella sede della circoscrizione 6 si terrà un incontro pubblico per l'illustrazione preliminare e la condivisione tra i cittadini delle prime ipotesi progettuali, in modo da trovare convergenze tra idee simili o complementari e indirizzarle, quindi, verso proposte omogenee ed integrate. Successivamente, sul sito del Comune, nella sezione riservata al bilancio partecipativo (http://www.comune.vicenza.it/uffici/dipgenpers/risorseumane/decentramento/bilanciopartecipativo.php), sarà creata una bacheca on line dove, su richiesta degli interessati, saranno pubblicate in modo sintetico le idee di massima che si intendono condividere e dove sarà possibile, attraverso l'assessorato alla partecipazione, creare contatti tra cittadini interessati a conoscere ed approfondire le proposte degli altri.

Dall'1 marzo al 15 aprile, quindi, saranno organizzati alcuni tavoli decentrati di progettazione con i cittadini per promuovere, in modo ancor più sistematico, la partecipazione e il coinvolgimento degli stessi nelle proposte di loro interesse, favorire lo scambio di idee tra gli stessi proponenti, sviluppare progetti più strutturati e costruire reti progettuali. Nello stesso periodo, inoltre, i cittadini maggiorenni potranno presentare proposte direttamente on line compilando una scheda progetto scaricabile dal sito, con eventuale supporto da parte degli uffici dell'assessorato alla partecipazione, per ottenere una maggiore uniformità di contenuti e dati. Dal 18 aprile al 15 maggio i progetti saranno sottoposti al vaglio dei tecnici. I progetti ammessi saranno, quindi, presentati ai cittadini dagli stessi proponenti in occasione di assemblee dal 17 al 19 maggio mentre le votazioni si terranno dal 25 maggio al 15 giugno: ogni cittadino sopra i 16 anni di età potrà votare soltanto una delle idee in concorso on line oppure recandosi in circoscrizione. Le proposte che avranno ottenuto il maggior numero di voti saranno trasformate in progetti dai tecnici comunali e finanziati, fino all'esaurimento dei 400 mila euro messi a disposizione per il 2017, per essere realizzate. Durante i mesi di luglio e agosto verranno espletate le procedure per eventuali affidamenti di incarichi di progettazione mentre, entro settembre, si terranno alcuni tavoli di definizione progettuale partecipata con proponenti, progettisti e cittadini interessati per l'elaborazione dei progetti vincitori. Infine, entro il 15 novembre, la Giunta approverà i progetti per la richiesta di mutuo alla Cassa depositi e prestiti.

 

Bilancio partecipativo 2016

Sono stati 4710 i cittadini sopra i 16 anni d'età che dall'1 al 15 luglio 2016 hanno votato le proposte preferite tra i 32 progetti ammessi in gara nella prima edizione del bilancio partecipativo: 3987 persone hanno votato on line, mentre sono stati 504 i votanti delle circoscrizioni e 219 quelli in Loggia del Capitaniato, dove è stato possibile votare dalle 9 alle 12.30 martedì 5 e giovedì 7 luglio. A occupare il gradino più alto del podio, con 789 voti (752 on line e 37 cartacei) è stato il progetto numero 2,"Noi ci mettiamo in gioco", proposto dal Circolo Noi San Giovanni Battista Laghetto dell'importo di 86.200 euro. I lavori per la realizzazione del progetto sono in fase di avvio. Con 690 preferenze (103 cartacee e 587 on line) si è posizionato al secondo posto il progetto numero 5 "Facciamo rifiorire le serre! Il parco Querini come laboratorio di cura urbana" proposto dall'associazione Civiltà del verde per un importo di 150 mila euro. Il progetto è stato ricompreso nel bando periferie, il finanziamento statale per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie, per il quale il Comune di Vicenza si è aggiudicato 17 milioni 794 mila euro, corrispondente all'intera somma richiesta.

Si è collocato al terzo posto, con 683 voti (142 cartacei e 541 on line) il progetto numero 11 "Un giardino per giocare" proposto dalla scuola dell'infanzia statale "B. Malfermoni" situata nel cuore del quartiere San Marco in contra' della Misericordia 15, nella circoscrizione 1, per un budget di 80 mila euro. Anche i lavori per la realizzazione di questo progetto sono in fase di avvio.

Leggi tutti gli articoli su: Comune di Vicenza, Annamaria Cordova
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

Venerdi 24 Marzo alle 08:12 da kairos
In Vicenza, quasi un milione di euro di entrate per i Musei civici nel 2016. Bulgarini d'Elci: "e con i prestiti di opere finanziamo anche il restauro e l'acquisto delle cornici"

Giovedi 23 Marzo alle 23:12 da zenocarino
In Contro lo smog Valentina Dovigo presenta la mozione pedaggio urbano
Gli altri siti del nostro network