Quotidiano | Categorie: Politica

Bestiario politico generale mentre Formisano bacchetta Bulgarini: "Serve un comportamento etico"

Di Pietro Zanella Martedi 14 Febbraio alle 17:53 | 1 commenti

ArticleImage

Questione di stile, anche in politica. Il presidente del consiglio comunale Federico Formisano ha tirato le orecchie al vicesindaco Jacopo Bulgarini D'Elci con una lettera indirizzata a tutta l'assemblea, reo a suo dire di aver utilizzato un linguaggio non adatto alla sua carica. "I consiglieri e gli amministratori non devono dimenticare che rappresentano un esempio e un punto di riferimento della vita sociale della città - Scrive Formisano- e che nell'esercizio delle loro funzioni devono attenersi a un comportamento etico ineccepibile basato sul reciproco rispetto". Parole ferme quanto pacate che arrivano dopo l'esplosione del caso Quero e alcune dichiarazioni del vice di Variati considerate da Formisano, che tra le altre cose è uomo di sport e di calcio, delle vere e proprie entrate a gamba tesa. In particolare non è piaciuto il post apparso sulla pagina Facebook di Bulgarini, in cui invitava i consiglieri a sottoporsi ad un test del Q.I.

Il vicesindaco, sulle pagine de Il Giornale di Vicenza, non ha fatto marcia indietro: "Mi sembra di essere tornato a scuola... con il professore che dà le note sul registro".  La polemica, interna alla maggioranza, effettivamente sembra pleonastica. Basta aprire un quotidiano a caso per accorgersi che il linguaggio, anche quello della politica, è cambiato. Dal Papa a Trump, passando per Renzi, tutti scrivono sui social, dove spesso "salta il freno" .
Nel recente passato, però, Bulgarini sembra averci preso gusto dando prima dei "criminali" e poi dei " talebani" ai componenti di alcune associazioni che chiedevano l'uscita di Vicenza dai patrimoni del Unesco. Il vicesindaco ha anche definito "coglioni" i giovani colpevoli delle scritte in Basilica e, infine, affettuosamente giudicato "mona" l'amico Quero. Un tale comportamento è stato giustamente, forse, sanzionato. Bulgarini, tuttavia, è l'unico in questi anni ad averle sparate grosse. Il bestiario della politica nostrana è pieno di esempi. Indimenticabile, per citarne una,  l'affermazione dell'agosto del 2016 di Claudio Cicero, ex assessore e figura di spicco del Consiglio: «Bisognerebbe fucilare i ciclisti che non utilizzano le ciclabili» affermazione non volgare, ma certo un po' violenta. Di esagerare capita anche ai più moderati, lo sa bene Dino Nani, che prima della votazione del bilancio avvertì: "Chi vota No non è un cittadino di questa città". Molto attivo su Facebook anche il consigliere Michele Dalla Negra, che su un post non esita a definire L'Italia "lo schifo del mondo".

In Regione non va meglio. Luca Zaia definì un autentica "cazzata" la tolleranza zero all'alcoltest. Alessenfra Moretti, in una celebre intervista, accusò Rosy Bindi di "mortificare la bellezza", Elena Donazzan definì "magrebino di m..." l'uomo accusato di averle rubato la bicicletta mentre era in vacanza. Non serve citare, a livello nazionale, campioni dell'uscita scoordinata e un po' volgare come Grillo, Bossi, Calderoli o Berlusconi, le cui barzellette sono diventate famose in tutto il mondo.
Davanti a questo spettacolo, talvolta poco edificante, meglio consolarsi con le parole di Albert Eistein "Se vuoi descrivere ciò che è vero, lascia l'eleganza al sarto."  Ecco, dalla politica allora è il caso di pretendere, se non la decenza, almeno la verità e al diavolo l'etichetta.


Commenti

Inviato Mercoledi 15 Febbraio alle 07:50

Purtroppo il Preside è Variati buonista e quindi la nota del prof. Formisano a Bulgarinbi d'Elci vicesindaco resterà lettera morta.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Giovedi 14 Dicembre alle 20:41 da Barbara77
In Gianni Zonin fa così tanta scena muta in commissione d'inchiesta sulle banche che Casini prova a fare il suo ventriloquo

Giovedi 14 Dicembre alle 14:25 da Lucia
In La lettera di una socia di Veneto Banca per accelerare il "ristoro" ai risparmiatori truffati dalle banche venete
Leggendo la lettera di Flavia mi è venuto tornato alla mente l'articolo 47 della Costituzione, nel passaggio dove recita:

"La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme...".

Purtroppo, come molte altre volte succede in questo Bel Paese mal gestito, avviene il contrario.
La vicenda delle banche venete è purtroppo nota e non stanno nemmeno più in piedi gli alibi che vogliono colpevolizzare i soci ("se la sono cercata loro perché sapevano che era rischioso ... volevano fare gli squali e adesso piangono miseria ...") perché è stato dimostrato che non è così; il prezzo delle azioni è stato taroccato ed è una truffa bella e buona che le banche hanno fatto ai loro sottoscrittori.
Raggirati da funzionari bancari senza coscienza pilotati a loro volta dai direttori senza scrupoli, che sapevano benissimo di vendere azioni fuffa ... ma l'importante è vendere e far carriera (no?).
E via col valzer delle scuse del tipo "siamo una banca solida ... non abbiamo problemi etc".
Mentre si tentava di coprire la voragine bancaria con un fazzolettino di carta, Consob e Banca d'Italia si giravano dall'altra parte per non vedere.
Il finale vede trionfare le banche che hanno fatto lo "sforzo" di avere solo la parte sana.
Come se non bastasse, i funzionari "lupi" delle due banche si sono travestiti da "agnelloni" di Intesa San Paolo, e probabilmente continueranno a perdere il pelo ma non il vizio.
Tutto apposto dunque. No?
Direi che alla luce di questo non faccio fatica a credere alla lettrice quando dice "credere nella Giustizia è diventato molto, molto difficile, quasi impossibile". E' e rimane impossibile, cara Flavia.
Molto probabilmente in un altro Paese più civile la cosa avrebbe preso una piega diversa, a favore dei risparmiatori (penso ad es. alle class action, che da noi sono solo di facciata).

Credo purtroppo, cara Flavia, che la lettera inviata ai politici cada nel nulla.
Per il semplice motivo che se qualcuno avesse voluto davvero fare qualcosa PRIMA, l'avrebbe fatto.
Ora è troppo tardi. Ed è persino patetico che i politici si proclamino adesso paladini dei risparmiatori, a babbo morto.

Mi spiace infonderle amarezza Flavia, ma mi dica forse se non ne ho motivo.

Con augurio di poter essere smentito.

Lunedi 11 Dicembre alle 22:37 da Kaiser
In A Vicenza arriva la mostra itinerante "Paolo Rossi - Great Italian Emotions e l'Italia dell'82" dal 16 dicembre

Lunedi 11 Dicembre alle 17:13 da Kaiser
In Migrazione dei clienti ex BPVi e Veneto Banca in Intesa Sanpaolo procede regolarmente per 1,5 milioni di conti correnti. Completata la chiusura di 118 filiali
Gli altri siti del nostro network