Quotidiano |

Banca Popolare di Vicenza, Asso-consum chiede il blocco dei patrimoni per i vertici

Di Emma Reda Mercoledi 2 Marzo 2016 alle 18:30 | 0 commenti

ArticleImage

L’Asso-consum, associazione per la difesa dei consumatori degli utenti e dei cittadini, componente CNCU, comunica oggi 2 marzo di aver inviato un esposto alla Procura della Repubblica di Vicenza sulla questione della Popolare di Vicenza. Nello specifico, l’Associazione, già attiva sulla questione da settembre, ha chiesto il blocco dei patrimoni per i vertici della Popolare: presidenti, componenti della direzione generale, sindaci e componenti del consiglio d’amministrazione.

Di seguito la nota:

"Come emerge dalle indagini l’accusa è di associazione a delinquere e falso in bilancio. Le ipotesi emerse a settembre di aggiotaggio e ostacolo all'autorità di vigilanza sembrerebbero coinvolgere più persone.

I dati sono preoccupanti soprattutto alla luce del fatto che nel 2015 i compensi per i vertici risultano essere aumentati del 9%. La Bpvi nel 2015 avrebbe pagato ai propri dirigenti strategici (consiglieri, sindaci e componenti della direzione generale) 16,7 milioni di euro a fronte degli 11 milioni corrisposti nel 2014 (+52%).
“Un dato” dichiara il presidente Aldo Perrotta “a dir poco scandaloso a fronte delle decine di migliaia di cittadini truffati e del fatto che i titoli dei piccoli soci dell'istituto invece sono stati svalutati a 6,3 euro dai 62,5 euro del 2014”.

Leggi tutti gli articoli su: Banca Popolare di Vicenza, Asso-consum

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network