Quotidiano | Categorie: Fatti

Banca Alto Vicentino evidenzia una semestrale post fusione molto soddisfacente

Di Comunicati Stampa Venerdi 11 Agosto alle 17:04 | 0 commenti

ArticleImage

Il direttore generale Roberto Rigato di Banca Alto Vicentino in una nota ufficiale di accompagnamento alla prima semestrale 2017 post fusione esordisce: " Raccolta complessiva stabile a 900 milioni di euro con un deciso incremento della raccolta indiretta (+3,5%). Ma il dato più interessante si rivela quello degli impieghi alla clientela, che registra un buon incremento. Gli impieghi vivi ammontano a circa 450 milioni di euro, mentre le nuove erogazioni a fine luglio superano i 46 milioni di euro. Un segnale di ripresa dell'economia del territorio, colto da Banca Alto Vicentino come l'occasione favorevole per rilanciare la fiducia e la voglia di investire su progetti futuri- continua il dg Rigato. La copertura delle sofferenze è al 70,3%. 

Il semestre si chiude con un utile ante imposte di oltre 1 milione di euro. La somma- spiega Rigato- andrà ad incrementare il patrimonio della banca, che già presenta un indicatore di solidità tra i più alti a livello regionale e nazionale: Tier1 e Total Capital Ratio superano entrambi il 18%."

"Il bilancio del semestre - prosegue Domenico Drago, Presidente di Banca Alto Vicentino - risulta più che soddisfacente, soprattutto se consideriamo che sono passati solo sei mesi dalla fusione tra la Banca Alto Vicentino di Schio e Pedemonte con la Cassa Rurale di Roana: due realtà solide e ben organizzate ma oggi molto più forti insieme. I primi risultati dopo sei mesi lo confermano - prosegue il Presidente Drago. I fattori di gradimento rilevati tra i soci e i clienti dimostrano che il processo di aggregazione tra le due banche è avvenuto in un clima di condivisione e serenità, senza alcun problema di esubero di personale, di sovrapposizione di filiali o di competenze. A questo risultato ha contribuito in modo determinante il positivo atteggiamento del personale dipendente delle due banche, che sta lavorando con entusiasmo per migliorare i risultati già positivi conseguiti con una operazione storica. In questa dinamica è significativo registrare una diminuzione dei costi operativi del 5,4%: più efficienza a vantaggio di soci e clientela, meno costi di struttura".

Siamo oggi un soggetto bancario forte e compatto: la banca di riferimento per tutto l’Alto Vicentino - aggiunge il Presidente Drago. La Banca opera in 63 Comuni attraverso una rete di 23 filiali chiamate a servire oltre 30 mila clienti e circa 4.400 soci, che in un paio d’anni potranno aumentare, superando la soglia dei 5 mila. Ma c’è di più. La Banca è impegnata nel sociale e nell’aiuto concreto allo studio. Attraverso borse di studio e finanziamenti ad hoc agevolati - prosegue Drago - abbiamo scelto politiche di sostegno ai soci giovani e nell’ottica di favorire la nascita di nuove imprese targate “under 35”.

Non dimentichiamo però -conclude - chi ha più bisogno: il plafond di 3 milioni di euro stanziato da Banca Alto Vicentino nel territorio per aiutare chi è stato colpito dal maltempo nelle scorse settimane è stato un intervento molto atteso e molto apprezzato”.


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Sabato 9 Dicembre alle 15:41 da Kaiser
In L'addio "accorato" di Variati e Cavalieri al fondo immobiliare: scelta di saggezza ma anche ammissione di cose non fatte

Sabato 9 Dicembre alle 15:31 da Kaiser
In Front office comune di Vicenza in via Torino, Claudio Cicero: dopo il fondo immobiliare il sindaco Variati rivaluti anche questa ipotesi

Sabato 9 Dicembre alle 10:37 da Kaiser
In Immobili comunali, Maria Teresa Turetta (CUB Vicenza): "Variati ha fatto bene a bloccare la cessione al fondo di Investire, ma la nostra protesta continua"

Venerdi 8 Dicembre alle 07:57 da PaolaFarina
In Sanità veneta, l'on. Daniela Sbrollini: "ennesima brutta figura l'arretramento dal quinto al sesto posto"
Gli altri siti del nostro network