Quotidiano | Categorie: Viabilità, Eventi, Fatti, Economia&Aziende

Autobus operator europei, Confartigianato: in città per organizzazione europea

Di Redazione VicenzaPiù | Giovedi 5 Luglio 2012 alle 17:24 | 0 commenti

ArticleImage

Confartigianato Vicenza  -  Della necessità di creare un'organizzazione europea che rappresenti le aziende del settore trasporto persone con autobus si era parlato in primavera a Graz durante il meeting annuale della RDA, la Federazione dei Bus Operator Tedeschi, cui avevano partecipato i rappresentanti delle più significative organizzazioni sindacali del settore turistico internazionale. La tappa successiva si è svolta a Vicenza, la città in cui opera Willy Della Valle, presidente nazionale di Confartigianato AutoBus Operator.

Vi hanno partecipato, oltre naturalmente all'Italia, i rappresentanti di Germania, Inghilterra, Francia, Svezia e Belgio (assente giustificata la Svizzera). I partecipanti al convegno sono stati accolti in Municipio dal sindaco di Vicenza, Achille Variati, assieme agli assessori Tommaso Ruggeri e Massimo Pecori, che ha presentato loro la città sia dal punto di vista del valore economico che di quello turistico, aspetto quest'ultimo che tocca da vicino gli operatori. Il giorno successivo, nella cornice del Golf Club Colli Berici, il meeting è entrato nel vivo dei lavori che sono stati coordinati dai funzionari dell'area mercato di Confartigianato Vicenza Maurizio Petris (sistema mobilità) e Andrea Rossi (ufficio estero). Al dibattito ha partecipato anche Pietro De Lotto, nella duplice veste di direttore della Confartigianato provinciale e di componente del CESE (Comitato Economico e Sociale Europeo), organismo di rilevanza a livello comunitario per il sostegno a specifiche richieste in vari campi. Durante l'incontro sono stati individuati e definiti i principi che la nuova eventuale federazione internazionale dovrebbe sancire, gli obiettivi da perseguire e la struttura di cui dotarsi. Sono stati poi illustrati i problemi che prioritariamente dovrebbero trovare soluzione, tra cui quello rappresentato dai ticket d'ingresso alle città d'arte, una questione che può avere effetti devastanti per l'attività turistica in generale, e non solo per l'attività dei Bus Operator. La situazione italiana in tal senso è emblematica, e sta provocando un effetto domino ovunque. Altra priorità a livello europeo è rappresentata dalla necessità di anticipare gli interventi legislativi, anziché lavorare successivamente per modificare i regolamenti una volta approvati. Bisogna dunque creare una nuova sensibilità a livello comunitario in materia di trasporto persone, mentre finora si discute esclusivamente di trasporto merci. Il nuovo organismo dovrebbe inoltre intervenire su più fronti tra i quali: separare dal punto di vista legislativo il trasporto persone dal trasporto merci; promuovere la libera circolazione dei bus all'interno di tutto il territorio della Comunità Europea (eliminando i ticket nelle città d'arte, i pedaggi dei parcheggi, la burocrazia dei moduli per il rilascio dell'autorizzazione d'ingresso a Ztl o semplicemente alla città, eccetera); favorire la creazione di aree specifiche per bus nell'immediata prossimità delle città d'arte, con parcheggi per i mezzi e servizi agli autisti; aumentare la competitività del trasporto persone a mezzo bus rispetto alle altre modalità di trasferimento, tipo aereo o treno, sovente cofinanziati da vari enti pubblici; creare una scuola guida permanente per autisti finanziata dalla UE; promuovere l'immagine dei Bus Operator. Il meeting vicentino si è concluso con unanimi pareri favorevoli da parte dei rappresentanti dei Paesi presenti, sia in vista della costituzione di una sorta di "alleanza europea" dei coach turistici e sia indicando come coordinatore il presidente italiano Willy Della Valle. Appuntamento ora a metà luglio a Colonia, in occasione della Fiera di promozione turistica che annualmente RDA organizza, per la firma di statuto e regolamento dell'organizzazione.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

42 minuti fa da enzucciu
In Inquinamento pozzi è figlio dello stupro della natura: lo scopre anche Variati. Che "devia"...
Il sindaco Variati dovrebbe chiedere che le analisi li paghi chi ha inquinato. Farebbe bene anche ad interessarsi di più della salute dei cittadini, per esempio appoggiando subito la richiesta di ISDE (Associazione dei Medici per l'Ambiente) e di altri di un'indagine epidemiologica seria anche sui vicentini della Bertesina che hanno bevuto per chissà quanto tempo acqua al cloruro di vinile o di quelli attorno all'oasi di Casale. Per il sindaco Variati e i dirigenti dell'ULSS6 il cloruro di vinile, cancerogeno certo, non ha provocato alcun danno nei vicentini che, evidentemente hanno sviluppato anticorpi protettivi contro le sostanze cancerogene che altrove producono effetti tossici sulle popolazioni esposte. Potrebbe anche decidersi a pubblicare sul sito del comune i dati sulle cause di mortalità a Vicenza in base alle copie delle schede di mortalità che i medici compilano per ogni deceduto, in modo che chi, come noi, è interessato, possa elaborare i dati correlandoli con le situazioni ambientali più delicate per cercare di stabilire se vi sono stati danni per la salute della popolazione esposta. Potrebbe anche chiedere cosa ne pensa l'Ordine dei Medici di Vicenza che in tutte le vicende ambientali più spinose ha sempre mantenuto un ossequioso silenzio, al limite della complicità.
Variati e le altre autorità cittadine potrebbero anche dare il buon esempio e partecipare al sondaggio on line ?Indagine epidemiologica sulla prevalenza delle malattie da sostanze perfluoroalchiche (PFAS) in Veneto? organizzato da ISDE Vicenza all?indirizzo https://docs.google.com/forms/d/1iYK9dH92MNm2m0KLrQil8HLna5mKK2tjqV_5VpvQt9Y/prefill

Vincenzo Cordiano, presidente della sezione di Vicenza dell'Associazione dei Medici per l'Ambiente- ISDE Italia.
Gli altri siti del nostro network