Quotidiano | Categorie: Scuola e formazione

Aperto bando progetto "Più Sport@Scuola" per scuole primarie del veneto

Di Redazione VicenzaPiù | Lunedi 13 Agosto 2012 alle 22:12 | 0 commenti

ArticleImage

Marino Zorzato, Regione Veneto - Il progetto "Scuola Sport e Territorio: Più Sport@Scuola" viene riproposto dalla Regione anche per l'anno scolastico 2012-2013, in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale, con l'obiettivo di incrementare le attività motorie, ludiche e sportive nelle scuole primarie del Veneto. La giunta veneta, su proposta del vicepresidente e assessore allo sport Marino Zorzato, ha approvato in via definitiva, dopo il parere favorevole della competente commissione consiliare, il provvedimento per l'apertura del bando e della relativa modulistica con cui saranno assegnati contributi per 400 mila euro alle scuole primarie. Il termine per la presentazione delle domande scade il 24 settembre prossimo.

"Questo progetto - sottolinea Zorzato - è giunto alla nona edizione, forte dei risultati conseguiti e delle esperienze maturate dal 2004 ad oggi. I dati riflettono una notevole partecipazione in tutto il territorio regionale da parte di istituti scolastici, studenti, enti pubblici e società sportive con i propri tecnici. L'iniziativa, infatti, si pone l'obiettivo di creare un ponte fra le attività motorio-sportive scolastiche e gli organismi sportivi del territorio, allo scopo di avvicinare il più possibile i giovani alla pratica sportiva". Le scuole primarie utilizzeranno, nell'organizzazione della pratica sportiva, un referente individuato tra i diplomati ISEF o laureati in scienze motorie.

Leggi tutti gli articoli su: Regione Veneto, Marino Zorzato
Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

Commenti degli utenti

oggi alle 14:06 da Ariel
In Farina replica a Thibault su antisemitismo e sionismo. Ma tutto il mondo subisce guerre, armate o finanziarie
Chi non capisce che Israele difendendo se stessa sta difendendo anche la nostra tranquillità di liberi cittadini nella democratica Europa, allora è bene che si fermi e faccia delle riflessioni serie, su quello che sta succedendo anche altrove.In Francia si grida "morte algi Ebrei" ed in Irak si crocefiggono e si bruciano vivi i Cristiani, così come in Siria si sotterrano vivi e ancora si decapitano musulmani da parte di altri musulmani.Chi non capisce che il tutto fa già parte da anni di un'ampia strategia del terrore, studiata a tavolino, fin da quando 20 anni fa,i primi barconi arrivavano sulle coste italiane, spagnole e greche dall'Africa invadendo in maniera silente le nostre città, allora sarà destinato presto a soccombere. La nostra Democrazia, nulla potrà contro un orda barbarica, che sciamerà presto nelle nostre starde al grido di Allah akbar.Chi non riesce a vedere e sentite tutto questo o è cieco o sordo.Sostenere Israele oggi è quanto di più necessario per la nostra salvaguardia e il nostro futuro di liberi cittadini. Israele rappresenta oggi l'ultimo avamposto,l'ultimo baluardo dell'Occidente contro la barbarie,un paese a noi simile col quale si può condivide la stessa cultura e la stessa Storia.Costretto ormai da settanta anni a sporcarsi le mani e la reputazione per difendere i propri cittadini da sicuri massacri viene ancora oggi trascinato suo malgrado in una guerra che non avrebbe mai voluto assecondare,purtroppo però divenuta inevitabile, perchè una popolazione drogata e pericolosamente armata si ostina a sostenere una leadership di tagliagole, senza mai fino ad ora aver preso in considerazione invece di autodeterminarsi e di ricostruirsi un futuro di pace,nonostante i fiumi di danaro che arrivano da più parti a Gaza,da decenni. Svegliati Europa e guarda cosa ti sta accadendo intorno, la tua attenzione ed il tuo biasimo, non può rivolgersi solo contro chi tenta difendendosi, di difendere anche te!

oggi alle 13:56 da PaolaFarina
In L'indignazione di un vicentino per la manifestazione a Vicenza per la Palestina
Gli altri siti del nostro network