VicenzaPiùComunica |

Alpac si mantiene solida nonostante la crisi del settore edilizio

Di Redazione VicenzaPiù Domenica 13 Settembre 2015 alle 15:30 | 0 commenti

ArticleImage

Alpac

Investimenti in Ricerca & Sviluppo, lancio della nuova linea di monoblocchi intelligenti INGENIUS con Ventilazione Meccanica Controllata, ampliamento della capacità produttiva con l’inaugurazione di un nuovo capannone. Nonostante la crisi del settore edile Alpac mantiene ben saldo il timone, non solo ampliando la propria gamma di prodotti ma aprendo una seconda azienda completamente dedicata alle rivendite di serramenti, con soluzioni su misura e pacchetti completi per il sistema finestra.

Innovazione, investimenti, export: sono questi gli asset che hanno permesso all’impresa di Schio (VI), specializzata nella progettazione e produzione di soluzioni avanzate per la chiusura del foro finestra, di fronteggiare la crisi, evitando qualsiasi genere di taglio, a partire dai dipendenti, che si mantengono sulle 100 unità, senza alcun ricorso  alla cassa integrazione  o riduzioni di orario.

“L’azienda ha saputo reggere e confrontarsi in maniera costruttiva e strategica con questo perdurare della situazione di crisi del settore edilizio, che continuo a ritenere strutturale, e che necessita, sempre a mio avviso, di un cambio di rotta sostanziale” afferma Luciano Dalla Via – amministratore Unico di Alpac – “Permane lo stallo delle grandi opere e dei grandi cantieri, il mercato si mantiene ancora molto frammentato, coinvolgendo solo piccoli interventi, per lo più di ristrutturazione. Alpac ha continuato ad investire nella propria organizzazione interna, rendendola sempre più dinamica  e flessibile per rispondere coerentemente a questa situazione, e nella ricerca di soluzioni all’avanguardia e dalle alte prestazioni di isolamento del foro finestra, nell'ottica della moderna cultura del risparmio energetico e nel rispetto delle normative europee orientate all’edilizia sostenibile.”

Si riconferma poi l’obiettivo di crescere nei mercati esteri di Francia, Svizzera, Russia e Austria, supportato da una politica commerciale aggressiva e premiata da un primo successo nei paesi del Medio Oriente, con un importante progetto in Qatar.

 

 “Il fatturato 2014 ha subito una flessione contenuta sotto il 10%, oggettivamente prevista, che rispecchia l’attuale situazione – conclude  Dalla Via commentando i risultati di bilancio -  ma possiamo dire di averla affrontata meglio delle previsioni, anzi, incrementando il portafoglio clienti e prodotti e, soprattutto, mantenendo integro l’assetto organizzativo. Noi imprenditori abbiamo il dovere di continuare ad avere fiducia e non smettere di investire in qualità e strategie di sviluppo, solo così si torna a crescere.”

Il 2014 ha visto, inoltre, la presenza di Alpac in importanti progetti e cantieri fra cui il complesso Porta Vittoria a Milano, le Residenze Torreverde di Novara (32 tra edifici e ville),  la residenza per anziani di Mestre (VE), la ristrutturazione dell’edificio storico Fontana Nuova a Roma e lo Smart Village Murialdo con certificazione CasaClima A+ a Viterbo.

Leggi tutti gli articoli su: edilizia, Alpac, Luciano Dalla Via

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network