Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Economia&Aziende

Aim-Agsm, la sesta più grande multiutility in Italia pensa alla quotazione

Di Rassegna Stampa Venerdi 17 Febbraio alle 08:52 | 0 commenti

ArticleImage

Mentre nei giorni scorsi sono arrivati i primi via libera da sindacati e minoranze, il nuovo colosso veneto delle multiutility, quello che sta nascendo tra Verona e Vicenza, guarda già alla quotazione. A fine anno è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra i vertici di Agsm (Verona) e Aim (Vicenza), che daranno vita a una nuova realtà industriale con un fatturato da oltre un miliardo di euro, un margine operativo lordo di oltre 130 milioni e 2.250 dipendenti. La sesta multiutility per dimensioni in Italia. L’accordo preliminare è stato sottoscritto a Palazzo Trissino dal sindaco di Vicenza Achille Variati e quello di Verona Flavio Tosi, l’amministratore unico di Aim Paolo Colla e il presidente di Agsm Fabio Venturi.

 Le due ex municipalizzate proseguono ora nell’iter che dovrebbe concludersi nella prossima primavera: entro maggio è previsto l’ok delle assemblee dei soci”. Intanto lo sguardo si allarga: Ci piacerebbe aggregare anche altre realtà del territorio veneto del Padovano, ma non solo – ha dichiarato a Mf-Milano Finanza il sindaco di Verona Flavio Tosi – pensiamo a Mantova e Trento, per esempio. Se questo avverrà prima o dopo la quotazione in Borsa, lo vedremo strada facendo. Certo, prima sarebbe meglio». Brillo ricorda che “I proventi della quotazione verranno destinati in gran parte agli investimenti della nuova realtà aggregata, a beneficio della società risultante dalla fusione e del territorio. Anche il presidente di Agsm Venturi guarda alle aggregazioni. «Con Dolomiti energia, per esempio, ho sempre pensato che fosse un arrivederci, non un addio». Le due multiutiliy stanno lavorando agli aspetti organizzativi all’Ipo assieme agli advisor, Banca Imi per Agsm e Unicredit per Aim. In particolare è all’esame il delicato meccanismo dei concambi, per garantire adeguata rappresentanza a tutti i soci negli organi amministrativi e di controllo. Alla fusione stanno lavorando anche Kpmg (advisor industriale) e gli studi legali Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partner per Aim e Gitti and Partners per Agsm. Anche dopo la quotazione la maggioranza resterà comunque saldamente in mano pubblica (continuando a remunerare “adeguatamente” i soci pubblici), mentre la società per ora manterrà entrambi i marchi, che userà a seconda delle realtà dove è più conosciuta. Una strada, quella della quotazione, indicata anche dalla Legge Madia sul riordino delle partecipate. Anche se è stata parzialmente bocciata dalla Consulta, la parte dedicata alle partecipate pubbliche resterebbe (secondo molti giuristi) ancora valida. Le aree di business nelle quali operano i due gruppi veneti sono la vendita di energia, il ciclo integrato dei rifiuti, la produzione e distribuzione di energia e calore, i servizi alle amministrazioni comunali”. Da notare è però che ”le due società hanno pesi differenti. In attesa dei numeri del bilancio 2016, il fatturato 2015 di Agsm è stato di 747,9 milioni contro i 264,2 milioni di Aim Vicenza. L’ebitda (il margine operativo lordo) è 81,8 milioni per Verona contro 51,4 milioni per Vicenza; mentre l’utile netto di Verona è di 14,4 milioni, per Vicenza sono stati 7,4. «Le regole di governance sono chiare, le decisioni strategiche verranno prese sempre insieme – ha spiegato il sindaco di Vicenza Variati a Mf – La concretezza che ci lega con Tosi, al di là dei percorsi politici differenti, ci porta a pensare che le nostre due aziende, una volta unite, potranno aumentare gli investimenti, riducendo i costi e garantendosi una dotazione finanziaria ancora più importante». E Variati assicura che la fusione non comporterà alcun licenziamento, anzi «aprirà a nuove assunzioni e per questo l’operazione è stata accolta positivamente anche dai sindacati».
Di Nicola Brillo, da La Tribuna di Treviso

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

Domenica 21 Maggio alle 09:24 da Draghi
In Grazie a Gianni Zonin, Achille Variati, Confindustria e i loro sodali ecco la triste immagine di Vicenza in Italia: è... la Verità

Domenica 21 Maggio alle 09:22 da Draghi
In Domande e un po' di sana polemica dopo la vernice di "Roi. La Fondazione demolita": su tutto la meraviglia delle mancate denunce contro cda targati Zonin. Che ancora incombe
Gli altri siti del nostro network