Opinioni | Quotidiano |

Ad ogni morte per droga... Ma alla libertà di scelta corrispondano le responsabilità. Economiche

Di Italo Francesco Baldo Martedi 1 Agosto 2017 alle 12:25 | 0 commenti

ArticleImage

Ad ogni morte di qualche ragazzo o ragazza per stupefacenti, per alcool o per il mix di ambedue, ecco sorgere il dibattito tra i cosiddetti "antichi" e i "moderni". I primi vorrebbero eliminare ogni possibilità di utilizzare lo stupefacente sia di origine naturale sia chimica, i secondi liberalizzare tutto dato che ogni singolo può fare di sé ciò che vuole. Le posizioni sono davvero inconciliabili. E mentre il dibattito tra psicologi, sociologi, medici esperti di diritto e perfino qualche pensatore infervora e riempie le pagine dei giornali, nel segreto delle famiglie si piange, tardivamente, ma si piange.

Alcuni non sapendo di quanto compisse il figlio/la figlia, altri ben consapevoli e addirittura complici, dato che anch'essi fanno uso di quelle sostanze; uso iniziato, ufficialmente nel 1970 allorché a Roma fu scoperta la prima fumeria.

Di fumo ne è stato fatto tanto e ancora siamo qui ad interrogarci, per cui forse sarebbe il caso di prendere altre strade. Infatti se si usano determinate sostanze senza necessità e adeguato controllo sanitario, ma per "piacere", per "sballo", perché lo fa il mio moroso o per semplice prova o noia, la colpa non è dello spacciatore, il quale risponde per quanto egli compie, ma di chi acquista e usa quelle sostanze. Per paura di colpevolizzare mai si afferma ciò, meglio incolpare lo sbandato di turno, meglio se straniero. Ma se si spaccia la colpa è principalmente dell'utilizzatore, che però, quando muore, è, guarda caso, sempre un buon ragazzo, un insospettabile, buono bravo bello ecc.

E al funerale si applaude l'uscita di scena, come un tempo si faceva solo per gli attori.
Prendere un'altra ottica è ormai necessario, né gli "antichi" né i "moderni" possono risolvere il problema, questo lo si fa solo attribuendo le responsabilità a chi le ha.

Se un giovane di 16 anni ha una relazione affettiva, frequenta locali, fino a tarda ora, è responsabile di sé stesso e così lo considerano, in genere, in famiglia. Quindi, avvalendosi della sua libertà di fare quello che vuole, si accolli anche tutto quello che comporta e a 360° compresi gli oneri economici, che non debbono essere a carico dell'intera società, ma del singolo giovane se nella possibilità, o della sua famiglia.

Lo Stato deve intervenire solo e soltanto quando non vi sia la possibilità della famiglia, principio di sussidiarietà, art. 303 della Costituzione della Repubblica Italiana. E' ora di smetterla con i piagnistei, i buonismi e quanto altro. Bisogna responsabilizzare e, dato che non si accetta più la determinazione morale, allora vi sia quella economica, che è più sentita.
Basta con i dibattiti, chi vuole fare da sé paghi per sé e per le conseguenze che produce. Le parole in circolo degli intellettuali, degli studiosi intervistati da televisioni, radio e giornali, che ripetono le stesse cose da quasi cinquant'anni sono solo suoni e come tali vengono percepiti e spesso considerati "fastidiosi".

La scuola che si riempie di progetti educativi alla cittadinanza ecc. nulla ha prodotto e si guarda bene dall'assumersi qualche responsabilità. Meglio l'apparenza, dato che anche qualche docente è in odor di fumo.
Se non siamo capaci di respingere ciò che massacra la nostra società, ciò deriva dalla nostra disunione, dal voler a tutti i costi essere solo noi stessi, tranne che nel pagamento, che viene, invece detto che sia da assumersi da parte di tutti.
Passare dallo sterile dibattito a considerare sul serio la responsabilità a tutto tondo, forse potrebbe dare qualche frutto. La libertà che non piace, non è quella della volontà psicologica, ma quella che assume deliberazioni razionali per il bene ed è capace di esibire la responsabilità e la proposta.

Ma forse è tardi.

Leggi tutti gli articoli su: Droga

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

oggi alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

oggi alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network