Quotidiano |

Zaltron: "Tubature vecchie e bolletta salata": Acque Vicentine sotto accusa risponde

Di Pietro Zanella Martedi 14 Febbraio alle 10:42 | 0 commenti

ArticleImage

"I soldi per fare i lavori in questi anni sono stati accantonati, i cittadini di Vicenza hanno pagato bollette "salate" che Acque Vicentine ha inviato e, a chi non è riuscito a pagare, anche per morosità incolpevole, sono stati sigillati i contatori." Ha denunciato in Consiglio comunale Liliana Zaltron, rappresentate del Movimento 5 Stelle, dopo l'ennesimo scoppio di una tubatura in via dei Laghi. L'incidente è avvenuto nella notte tra il 19 e il 20 gennaio, quando un tubo in ghisa di 20 cm era saltato. I lavori di riparazione hanno portato alla chiusura del traffico per tutta la mattina seguente. Un "incidente" che secondo l'azienda fornitrice del servizio era dovuto "all'usura del condotto" posato negli anni '60.

Non una novità, effettivamente, il sistema di condotti dell'acqua spesso sente il peso del tempo. "Sempre questa fantomatica usura - ha puntualizzato Zaltron -, sempre la stessa risposta tutte le volte. Poi leggiamo che lo scorso anno Acque Vicentine ha effettuato 4.000 controlli, 1.700 interventi sulla rete, 23 chilometri di nuovi tubi e ha speso 14 milioni di euro per realizzare opere. E quindi? Come è possibile, con l'acqua più costosa della regione, che questi fenomeni continuino a verificarsi?
A settimane di distanza, è arrivata la risposta della società idrica: "Credo che non sia difficile capire come mai una rete così datata possa presentare dei problemi puntuali - sottolinea il presidente di acque Vicentine, Angelo Guzzo -. Passo dopo passo, noi stiamo intervenendo con lavori di sostituzione e manutenzione sui tratti più vecchi e usurati ma si tratta di un processo lungo e complesso. Oltre che costoso. Considerando che per la sostituzione delle reti di acquedotto servono in media 250 €/m, solo per intervenire su un quinto della rete servirebbero circa 25 milioni di euro. Cifra che raddoppia per gli interventi sulla fognatura".
"Proprio perché sappiamo l'importanza di questi interventi destiniamo agli investimenti e alle manutenzioni il 63% di quanto i cittadini pagano con la bolletta: sull'intero territorio di competenza questo si traduce, per quanto riguarda la manutenzione, in 1700 interventi e 23 km di nuovi tubi posati ogni anno - conclude Guzzo -. È solo tenendo alta la capacità di investire in opere e interventi che possiamo garantire la qualità del servizio che i cittadini chiedono e continuare l'impegno per rendere il sistema sempre più efficiente e sicuro"

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

ieri alle 11:28 da kairos
In Sulla stampa locale spazio ai giovani che emulano Quero. L'ex manager pare finito nell'oblio

Mercoledi 22 Febbraio alle 17:05 da kairos
In Finozzi (Confartigianato): “Stallo preoccupante per il riconoscimento della qualifica professionale di Restauratore dei beni culturali”
Gli altri siti del nostro network