Opinioni | Quotidiano | Categorie: Politica

30 agosto 2014 e il vice sindaco aspirante sindaco Jacopo Bulgarini d'Elci

Di Italo Francesco Baldo Domenica 18 Giugno alle 10:49 | 1 commenti

ArticleImage

Non sfuggirà a nessuno che è già in corso la campagna elettorale per le amministrative del Comune di Vicenza. Chi ha tempo non perda tempo, recitava un proverbio antico e così vari possibili candidati esibiscono le loro grazie e con temerario coraggio cercano di ingraziarsi il favore degli elettori. Chi con i parchi, chi con le case per padri separati dove allignano erbacce, chi diffondendo la sua giovane possibilità e chi non avendo lavoro cerca di avere almeno le prebende di un assessorato . Tra tutti spicca però chi non essendo mai stato eletto vorrebbe correre il rischio di presentarsi agli elettori stessi. E' il vicesindaco Jacopo Bulgarini d'Elci, nominato dall'attuale sindaco.

Questa volta dovrà accontentarsi solo di due supporter Annamaria Cordova e Umberto Nicolai, e il dichiarato intento di surclassare i partiti, in particolare quello Democratico, così fedele ad Achille Variati da essere come il servo della favola di Fedro Cesare Tiberio. Eccolo quindi esibire: "il desiderio di offrire alla comunità il proprio tempo, la propria intelligenza, le proprie competenze". Uno spot che cerca di colpire, insomma "pubblicità", tanto che si vuole "portare i 10 anni di amministrazione Variati nel futuro, costruendo un progetto di città che risponda alle tante e nuove sfide del nostro tempo": un'indicazione da vero conservatore... della poltrona.

Se vi fu laboratorio politico nell'amministrazione Variati ciò è perlomeno dubbio: quali idee politiche, quale strategia di amministrazione? Per promuovere un prodotto vi sono almeno due condizioni. La prima che sia buono, la seconda che illuda. L'amministrazione Variati appartiene al secondo tipo di prodotto, tante parole in circolo e pochissimi "fatti", nemmeno il cosiddetto Parco della pace che è tantissimo servito alle elezioni della Giunta Variati per 10 anni vede realizzazione, per il quale magari in fretta e furia si farà come al solito qualcosa, inaugurandolo come per la Casa dei padri separati senza elementi per la vera fruizione, nemmeno la panchina per i sindaci in pensione.

Ciò che ancor più stupisce è che si tenta di avallare la capacità amministrativa addirittura in ambito Unesco. Non sappiamo se gli ispettori visitino in incognito la città o solo con l'ufficialità, ma è opportuno informare loro e soprattutto i cittadini vicentini che almeno dal 30 agosto 2014 non si pulisce la marmorea ringhiera di una delle scale di accesso della Basilica Palladiana, dove campeggiano anche centinaia di altre scritte oltre quella con la data "notarile" dell'incuria. Se quasi tre anni non sono bastati per "pulire", "picciol cosa", come volete che si amministri nei prossimi anni globalmente una città con problemi più importanti?

Commenti

Inviato Domenica 18 Giugno alle 18:51

Quanto a competenze ed intelligenza...io ho visto solo saccenza ed arroganza ... proverò a cambiare gli occhiali
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

oggi alle 00:13 da Gnn63
In Con la liquidazione coatta amministrativa (fallimento) di BPVi e Veneto Banca i soci hanno 60 giorni per insersi nello stato passivo

ieri alle 21:02 da paolor_it
In Cdm ha approvato DL per "regalare" a Intesa il buono di BPVi e Veneto Banca senza fare accenni ai soci che non hanno transato. Un Paese normale si sarebbe rivalso su eventuali responsabilità di vecchi cda e/o di Bankitalia & c.

ieri alle 08:48 da kairos
In BPVi e Veneto Banca, Veronica Cecconato Pd Provincia di Vicenza: crack colpa della classe dirigente
Gli altri siti del nostro network