Quotidiano | Categorie: Politica, Storia

25 aprile a Vicenza, Giovanni Rolando: la libertà non è mai conquistata una volta per tutte

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile) Martedi 25 Aprile 2017 alle 16:03 | 2 commenti

ArticleImage

Il 25 aprile è stato celebrato in tutta Italia pur se con vecchie e con nuove polemiche che, bisogna pur dirlo, nascono, per le vecchie, da una non completa rivisitazione della storia del periodo della "Liberazione" e, per le nuove, dall'inclusione a volte forzata di nuove commemorazioni e di testimonianze di situazioni di conflitto attuali che si richiamano, certo, allo spirito della liberazione dalle tirannie ma che introducono più elementi di dissidio che non di identificazione in una libertà generale senza bandiere di parte. A ricondurci allo spirito originario della celebrazione del 25 aprile è Giovanni Rolando, esponente Dem storico che, a margine delle celebrazioni ufficiali di stamattina in Piazza dei Signori a Vicenza, esprime un pensiero che non si puà non condividere (qui la photo gallery, ndr).

"È su questa data - dice, infatti, Rolando - che si fonda anzitutto la nostra Repubblica. La democrazia al pari della libertà, come era scritto fra l'altro nel volantino che il Pd cittadino ha diffuso oggi, 25 aprile 2017, in piazza dei signori a Vicenza, non è mai conquistata una volta per tutte. Ecco perché è sempre tempo di Resistenza. E in piazza a ricordare le radici della nostra libertà c'erano in tanti con le bandiere del Tricolore, della Pace, dell'Europa e del Pd. Pìù di così...!"

Leggi tutti gli articoli su: 25 aprile, Liberazione, Giovanni Rolando

Commenti

Inviato Martedi 25 Aprile 2017 alle 17:07

In Piazza c'ero anch'io, ma senza bandiera. I ricordi sono di tutti. Io non credo che il PD abbia titolo per festeggiare, quando il suo "capo" Renzi, voleva, con la nuova Costituzione da lui proposta, cancellare proprio ...i momenti resistenti del POPOLO. Ecco perché lo abbiamo SILURATO! Ricordo inoltre per quanto riguarda la mia Città cioè Vicenza, che la medaglia d'oro al Valor Militare è stata assegnata per il 28 aprile 45, vedasi decreto e lapide a Palazzo Trissino, il 25 è data "milanese" su cui bisognerebbe discutere e rappacificare il Popolo senza contraddizioni STORICHE. I partiti non c'entrano Nulla nelle celebrazioni. I partiti hanno delega Costituzionale per creare consenso attorno ai loro progetti politici nell'interesse del POPOLO e della Nazione che siamo NOI! Il resto è partitologia..pura, da primarie,
secondarie, e da campagna elettorale che non fa più notizia. I valori su cui è costruita la nostra Libertà non va gridata in Piazza una volta l'anno, ma tutti i giorni: in famiglia, nelle associazioni, con gli amici, raccontando ai giovani il vissuto di mio padre classe 1920, internato in Germania come militare dell'Esercito Italiano di cui nessuno fa menzione. Amen.
Inviato Martedi 25 Aprile 2017 alle 17:10

In Piazza c'ero anch'io, ma senza bandiera. I ricordi sono di tutti. Io non credo che il PD abbia titolo per festeggiare, quando il suo "capo" Renzi, voleva, con la nuova Costituzione da lui proposta, cancellare proprio ...i momenti resistenti del POPOLO. Ecco perché lo abbiamo SILURATO! Ricordo inoltre per quanto riguarda la mia Città cioè Vicenza, che la medaglia d'oro al Valor Militare è stata assegnata per il 28 aprile 45, vedasi decreto e lapide a Palazzo Trissino, il 25 è data "milanese" su cui bisognerebbe discutere e rappacificare il Popolo senza contraddizioni STORICHE. I partiti non c'entrano Nulla nelle celebrazioni. I partiti hanno delega Costituzionale per creare consenso attorno ai loro progetti politici nell'interesse del POPOLO e della Nazione che siamo NOI! Il resto è partitologia..pura, da primarie,
secondarie, e da campagna elettorale che non fa più notizia. I valori su cui è costruita la nostra Libertà non va gridata in Piazza una volta l'anno, ma tutti i giorni: in famiglia, nelle associazioni, con gli amici, raccontando ai giovani il vissuto di mio padre classe 1920, internato in Germania come militare dell'Esercito Italiano di cui nessuno fa menzione. Amen.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Lunedi 22 Gennaio alle 18:07 da kairos
In Bulgarini esalta gli incassi dei musei civici ma cerca il 30% di spese non coperte... Dalla gratuità della Basilica per Linea d'Ombra?

Lunedi 22 Gennaio alle 12:16 da zenocarino
In Tra bugie su BPVi, amnesie su Fondazione Roi e fonti di comodo sul "variatiano" Fabio Mantovani il GdV sarà equo col "sincero" Francesco Rucco? La risposta a Publiadige

Lunedi 22 Gennaio alle 10:39 da Redazione VicenzaPiù (admin)
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Domenica 21 Gennaio alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega
Gli altri siti del nostro network