Quotidiano | Categorie: Politica, Storia

25 aprile, festa della Liberazione dell'Italia... e del Portogallo

Di Giorgio Langella Martedi 25 Aprile 2017 alle 07:47 | 0 commenti

Il 25 aprile è il giorno che, in Italia, ricorda la liberazione dal nazifascismo. Il giorno simbolo del riscatto nazionale del quale bisogna sempre avere memoria. Il giorno più importante e decisivo nella Storia del nostro Paese. Ricordiamo il comunicato che comandò l'insurrezione nazionale: "A tutti i comandi zona. Comunicasi il seguente telegramma: ALDO DICE 26 x 1 Stop Nemico in crisi finale Stop Applicate piano E 27 Stop Capi nemici et dirigenti fascisti in fuga Stop Fermate tutte macchine et controllate rigorosamente passeggeri trattenendo persone sospette Stop Comandi zona interessati abbiano massima cura assicurare viabilità forze alleate su strade Genova-Torino et Piacenza-Torino Stop 24 aprile 1945 ". Ma oggi, 25 aprile gli antifascisti ricordano anche un'altra liberazione. Quella avvenuta in Portogallo nel 1974 che pose termine al regime fascista instaurato da Salazar nel 1932 (nel video potete ascoltare Grandola vila Morena di Zeca Alfonso).

Il 25 aprile 1974 fu la rivoluzione dei garofani promossa da militari progressisti a riconquistare la libertà per il popolo portoghese. La rivolta dei militari portoghesi fu preannunciata dalla diffusione via radio di una canzone allora proibita "Grandola vila morena" di José "Zeca" Alfonso .

Il 25 aprile è una data che unisce due nazioni di un'Europa che seppe liberarsi dalla barbarie nazifascista e che oggi viene umiliata da una Unione Europea dominata dai poteri finanziari che impongono un sistema antitetico a quello per il quale i Partigiani e i militari progressisti portoghesi hanno combattuto.

Il 25 aprile deve essere sempre il giorno del riscatto e della liberazione dei popoli dalle catene del nazifascismo. Oggi questa data ha ancora più significato vedendo quello che succede in Europa e nel mondo. Oggi, in particolare dobbiamo essere vicini al popolo del Donbass che resiste alla violenza del governo di KIev appoggiato da organizzazioni e formazioni militari naziste.

Il 25 aprile è il simbolo di un sogno: quello di creare una società di Liberi e Uguali. Noi dobbiamo continuare a lottare ogni giorno per realizzare quel sogno.

Leggi tutti gli articoli su: 25 aprile, Liberazione, Salazar

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

ieri alle 17:40 da kairos
In Vicenza, terra di smemorati: dopo Gianni Zonin che nulla ricorda della BPVi, dimentica di aver firmato gli "indirizzi" di Variati Fabio Mantovani, candidato sindaco di FI e Lega

Venerdi 19 Gennaio alle 18:39 da Luciano Parolin (Luciano)
In Mercoledì 24 gennaio su Rai 1 Alberto Angela presenta il patrimonio Unesco di Vicenza
Gli altri siti del nostro network