Categoria: Tecnologia

Quotidiano | Categorie: Internet, Tecnologia, Fatti

Vodafone "scava" in città per banda larga e regala a Comune collegamento a dieci edifici pubblici

ArticleImage Comune di Vicenza  -  Vicenza è una delle prime cinque città italiane scelte da Vodafone per lo sviluppo della banda larga. L'operatore leader nel campo delle telecomunicazioni si appresta infatti a dare il via al piano di installazione di una nuova infrastruttura che andrà ad affiancarsi a quella già posata dal concorrente Telecom. I primi scavi di Vodafone partiranno lunedì prossimo 25 agosto e interesseranno cinque vie della zona Cattane e Dogana: via Zanardelli, via Battaglione Val Leogra, via Legione Antonini, via Divisione Julia e via Boselli.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Fatti, Tecnologia

Vicenza premiata allo Smau per il progetto tecnologico anti evasione fiscale

ArticleImage La lotta all’evasione fiscale, piaga italiana annosa che sottrae miliardi di euro alle case pubbliche, può essere combattuta attraverso le nuove tecnologie di raccolta dati. Il Comune di Vicenza con il suo progetto GIT è stato premiato oggi giovedì 17 aprile 2014 con il primo premio nella categoria E-government: i campioni del riuso” alla fiera dell’elettronica presso lo Smau di Padova.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Tecnologia, Fatti

"Outside The Gate", una nuova "app" per i 12 mila americani di Vicenza

ArticleImage I dodici mila componenti della comunità statunitense residente a Vicenza, tra militari e i loro nuclei familiari, avranno presto un nuovo strumento per integrarsi al meglio nella realtà vicentina, grazie alle nuove tecnologie che permettono di favorire l’incontro tra domanda e offerta ai prodotti e servizi delle aziende locali.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Economia&Aziende, Tecnologia

Lotta alla contraffazione del Made in Italy, a Vicenza si punta sulle nuove tecnologie

ArticleImage Apindustria Vicenza - Si svolgerà martedì 25 marzo alle ore 17,45 presso Apindustria Vicenza un incontro per approfondire il problema della contraffazione e far conoscere gli strumenti che le aziende, le associazioni e le amministrazioni pubbliche possono adottare per contrastare un fenomeno che ha gravi ripercussioni non solo economiche, ma anche occupazionali.

Continua a leggere
Quotidiano | Interviste | Categorie: Informazione, Internet, Tecnologia, VicenzaPiùTV, Fatti, Spettacoli&Cultura

Fucina Creativa, il primo laboratorio di social-storytelling

E' davvero possibile mescolare la scrittura e i linguaggi del web? Perché è necessario scardinare l'antico e solido paradigma scolastico docente-allievo? Cosa significa aprire al mondo la scrittura creativa, come fosse una scatoletta? Sono alcune delle questioni che Fucina Creativa si propone di affrontare nel primo laboratorio di social-storytelling.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Fiera, Internet, Tecnologia, Fatti

Fiera di Vicenza presenta nuova piattaforma web

ArticleImage Fiera di Vicenza - Appeal grafica, fluidità nella navigazione, presidio sui social network contribuiranno a rafforzare il ruolo di Business Hub Internazionale di Fiera di Vicenza
Fiera di Vicenza cambia volto sul web. E' on line il nuovo sito istituzionale della società fieristica vicentina, lanciato in concomitanza alla Manifestazione ABILMENTE in ragione del forte interesse di blogger e navigatori on line per la Mostra-Atelier internazionale della manualità creativa, in programma fino a domenica 23 febbraio.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: informatica, Tecnologia, Economia&Aziende

Smart City, Aim e Regione al Cuoa per le nuove tecnologie al servizio dei cittadini

ArticleImage Fondazione CUOA - Per migliorare la qualità della vita in una società in rapida trasformazione le città stanno modificando completamente il proprio modo di considerare i servizi e il rapporto con i cittadini, grazie allo sviluppo di nuove tecnologie facilmente accessibili. Questo è il fenomeno delle Smart City e Smart Community.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Politica, Tecnologia

Sangineto e Un'altra Vicenza in sicambia.it. Rostello ne spiega contenuti e finalità

ArticleImage T come tecnologia. La terza lettera della parola “altra” riassume uno dei punti fondamentali del programma del candidato sindaco Maurizio Sangineto: migliorare il rapporto tra i cittadini e le istituzioni attraverso il mezzo tecnologico per eccellenza dei nostri tempi, internet. Questo progetto ha spinto il candidato di “Un’altra Vicenza” a sperimentare per primo le potenzialità di sicambia.it, un social network politico realizzato da 16 professionisti, tra i trenta e i quarant’anni, provenienti dal mondo giuridico, imprenditoriale e manageriale.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Sanità, Tecnologia

Cartella clinica elettronica, oggi in Fiera convegno sul caso esemplare del Santorso

ArticleImage Intersystems - Si è aperto questa mattina, alla Fiera di Vicenza, l'evento MEDit Health Innovation 2013 che, nell'ambito della grande attenzione che la Regione Veneto dedica ai temi dello sviluppo tecnologico nel mondo della sanità, ospiterà per due giorni momenti di incontro e approfondimento con le Aziende e gli Operatori Professionali (Dirigenti, Specialisti, Medici e Tecnici) che lavorano nell'ambito della sanità elettronica.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Tecnologia, Fatti

HACKathon 101: premiate le "app" della maratona di cervelli a Vicenza

ArticleImage Confartigianato Vicenza - Giorgia Marenda e Luca Milan (di Treviso) in quartetto con Matteo Rosati e Elena Bertolin (di Mestre) si sono aggiudicati il premio di 4mila euro per aver creato "Ratatouille", una app che permette di condividere il cibo in eccesso con i vicini di casa; Stefano Contiero di Cassola avrà invece la possibilità di essere ospitato per tre settimane alla Business School di San Francisco, grazie a Mind the Bridge, per aver realizzato "Check_it", una app di check list sociale.

Continua a leggere
<| |>

Commenti degli utenti

Mercoledi 27 Agosto alle 17:38 da DavideDeMeo
In I pacifisti nostrani
Nooo, mi dispiace, non ci sto. Mi riconosco nel movimento pacifista. Ero tra quelli che hanno manifestato contro la costruzione dell?ecomostro Del Din. Sono ancora oggi convinto che quella base non doveva essere fatta. Primo perché è una installazione straniera in preziosissimo suolo nazionale e vicentino. Secondo perché rappresenta un simbolo del modo proprio delle superpotenze di risolvere i conflitti. Vale a dire con la risposta militare. Proprio questa, dai tempi della Guerra del Golfo (con il ridicolo ultimo sviluppo secondo il quale i cacciabombardieri e i droni americani i attaccano mezzi corazzati e armi americane date al governo irakeno dagli stessi americani), dalla Guerra in Afghanistan e dall?intervento in Libia, mostra negli ultimi tempi la sua inutilità. I conflitti regionali sono ancora più aspri di un tempo e l?instabilità internazionale (Iraq, Libia, Pakistan, Ucraina) è ai massimi storici.
Venendo ora al conflitto arabo-israeliano, non posso soffermarmi sulla enorme complessità dei rapporti che hanno determinato l?odierno assurdo scenario (mi ha aiutato a capirci qualcosa il libro ?Vittime. Storia del conflitto arabo-sionista 1881-2001? di Benny Morris ? Ed. Bur ? 2003). Di certo, pensare che lo stato di Israele, a cui la stragrande maggioranza di noi ed io personalmente riconosciamo il diritto all?esistenza ed alla salvaguardia dei propri confini, sia giustificato a radere al suolo (le bombe intelligenti...) i quartieri di Gaza, donne e bambini compresi, per me vuol dire soffrire di cecità selettiva.
E? di ieri la notizia che Tsahal (il tanto ammirato esercito israeliano) ha ucciso tre leader di Hamas, i quali sfortunatamente erano assieme a una dozzina di propri familiari, tra cui diversi bambini innocenti (beh, mica colpa nostra se questi terroristi fanno anche figli, potevano pensarci prima...).
Se i palestinesi radicali, del resto, avessero a disposizione bombardieri e droni non esiterebbero un minuto a farne l?uso di cui noi occidentali siamo maestri. Saremmo pronti, in quel caso, a schierarci a fianco dell?alleato israeliano senza alcun indugio, partecipando allegramente al bomb show.
Allora preferisco di gran lunga l?appello alla pace, con le manifestazioni e i cortei, che sempre sono stati pacifici, che magari poco hanno prodotto (opporsi ai miliardi di giro d?affari del business delle armi è poco popolare, per non parlare dei guerrafondai veri e propri, che sparerebbero anche con il fucile a tappo), che forse possono sembrare antiamericani ma che in realtà esprimono solo il cocente fastidio di essere impotenti di fronte alle scelte fallimentari della war machine internazionale. Anche queste sono azioni forti (e la nostra città non è che ne abbondi).
Caro Prof. Balbo, Gentile Signora Farina, dissento profondamente dalle vostre affermazioni.. Con buona pace del vescovo Rufino e di Erasmo da Rotterdam.

Martedi 26 Agosto alle 15:27 da claudiofiori
In Luca Zaia aderisce alla campagna per la lotta alla SLA
Ottimo gesto "mediatico" del Governatore Zaia. Peccato però che resti solamente un?esposizione mediatica che NON aggiunge nulla agli scarsissimi fondi per la ricerca, e mi riferisco a tutte le patologie delle quali a oggi, le persone ammalate, sono ritenute "rare" se non inesistenti. Un Politico per di più Governatore della Regione, oltre a questi gesti estivi, deve impegnarsi per far si che l'articolo 32 della nostra costituzione sia rispettato, deve impegnarsi per evitare che tutte le persone sofferenti a causa di una patologia non siano derise ma curate, deve dare sostanza e seguito ad ogni paragrafo del P.S.S.R.2013\2016. Queste cose si possono fare, con un po? di buona volontà, visto che, come riferito dal Governatore Zaia in conferenza, i Conti Consuntivi Economici delle A.S.L.Venete hanno chiuso l?esercizio 2013 con un utile (pardon attivo) di 41.467.101.?. Ha poi aggiunto l?Assessore Coletto che il 2013 è per il Veneto il QUARTO anno consecutivo di esercizi positivi???. Ricordo al Governatore Zaia agli Assessori Coletto e Mantoan che in data 04\07\2014 ho spedito una mail (da loro ricevuta e letta, e pubblicata dalla vostra testata il 19\07) nella quale facevo presente che dopo oltre 400 giorni dall?approvazione all?unanimità della Legge, che riconosceva l?M.C.S. come patologia rara e con la quale dovevano essere attuati anche 5 paragrafi a essa collegata, nulla oltre il mero ?riconoscimento? è stato fatto. Oltretutto la lettera era controfirmata da 28 persone sofferenti di tale patologia abitanti in 5 province Venete che mi avevano delegato, e NESSUNO dei destinatari si è degnato di fornire a queste persone un minimo cenno di riscontro. Nessuno cerca la malattia, questa può colpire chiunque a qualsiasi età, una persona ammalata di qualsiasi patologia, proprio a causa del suo stato di salute ha bisogno di tutele ed aiuto. Credo che Il livello di civiltà di una Regione si misura anche dalla cura con cui assiste le persone ammalate. Cordialmente Claudio Fiori
Gli altri siti del nostro network