Categoria: Ristorazione

Quotidiano | Categorie: Ristorazione, Fatti

Tiramisù superstar sui media inglesi dopo la decisione Zaia di chiedere la STG

ArticleImage

Regione Veneto - La decisione del Presidente del Veneto, Luca Zaia, di avviare il processo che conduca il tiramisù trevigiano al riconoscimento di STG (Specialità territoriale garantita) ha avuto ampia eco sui giornali britannici, sempre molto attenti a quanto accade nel made in Italy, in particolare nel settore dell'enogastronomia (nella foto e nel video Alba Campeol, la ristoratrice trevigiana che ha inventato il dolce, ndr).

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Ristorazione, Fatti

I consigli dei masterchef per la SchiChic da spiaggia

ArticleImage

Altro che parmigiana, pasta al forno e il classico panino con la cotoletta. Insalata di riso con verdure di stagione, pasta fredda alla crudaiola con carciofi, fiori di zucca realizzati con ortaggi, accompagnati da ingredienti leggeri e salutari come pomodoro, basilico, mozzarella e sottaceti, sono le pietanze che secondo 7 masterchef su 10 non possono mancare durante il pranzo in spiaggia delle famiglie italiane che in questo periodo dell'anno prendono d'assalto le località balneari.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Ristorazione, Fatti

Attenzione a quello che si mangia e beve d'estate

ArticleImage In Europa 40.000 persone ogni anno contraggono intossicazioni alimentari

Con l'arrivo del caldo e dell'estate aumenta il rischio di tossinfezioni alimentari. I dati più recenti ci dicono che nel 2011 sono stati riportati 5648 focolai di tossinfezione alimentare, rispetto i 5276 del 2010. L'Italia è il secondo stato, tra quelli analizzati, con maggior numero di focolai segnalati (908 casi) segnalati (dati EFSA, European Food Safety Authority).

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Ristorazione, Televisione, Economia&Aziende

Vicenza protagonista sabato sulla TV del Gambero Rosso

ArticleImage Made in Vicenza - Sabato 8 giugno andrà in onda una trasmissione speciale dedicata all'enogastronomia berica
Sabato 8 giugno alle 11, alle 16 e alle 21.30, il canale satellitare del Gambero Rosso (canale 411 di Sky) manderà in onda una trasmissione speciale dal titolo "I sapori Made in Vicenza", dedicata alle eccellenze della cucina berica. Il programma è stato promosso e organizzato da Made in Vicenza, l'Azienda Speciale della Camera di Commercio per l'export e la promozione dei prodotti tipici.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Ristorazione

Ristoratori, tornano le "Serate della scarpetta"

ArticleImage Confartigianato Vicenza  -  A grande richiesta, si replica la Serata della Scarpetta, evento gastronomico a cura dei Panificatori e Ristoratori di Confartigianato Vicenza. Nei precedenti appuntamenti, realizzati a Villa Gioiagrande (di Rosà) e Villa Cordellina (di Montecchio Maggiore) 500 persone hanno assaporato, con l’unico ausilio dei pani in tavola, le pietanze realizzate dai ristoratori.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Ristorazione

Un gran galà per celebrare il broccolo fiolaro di Creazzo de.co.

ArticleImage Confcommercio Vicenza  -  Si terrà il 10 gennaio all’Hotel Vergilius. Ad organizzarlo la Confraternita e i ristoratori di Creazzo aderenti alla Confcommercio. E fino all’8 febbraio proseguono gli appuntamenti con la rassegna enogastronomica.

La qualità del prodotto, complice una stagione favorevole, è di ottimo livello anche quest’anno, assicurano i produttori, ed è una valida premessa per la buona riuscita della rassegna gastronomica e delle manifestazioni legate al prelibato ortaggio.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Spettacoli&Cultura, Ristorazione, Fatti

Capodanno insieme a Raffaello, Van Gogh e Picasso nei palazzi storici

ArticleImage Linea d'ombra  -  Linea d'ombra, con il Comune di Vicenza e il consorzio "Vicenza è", offre la possibilità di un Capodanno davvero diverso. E in eccellente compagnia, quella dei maestri allineati nella grande mostra "Raffaello verso Picasso. Storie di sguardi, volti e figure" allestita in Basilica Palladiana.
Due le possibilità che gli organizzatori propongono a chi vuole godere di un Capodanno d'arte a Vicenza.
La prima prevede un Capodanno tra gli affreschi e gli stucchi di antiche prestigiose dimore vicentine.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Associazioni, Ristorazione

Sabato all'Università del Gusto: laboratori di cucina, pasticceria e degustazioni

ArticleImage

Confcommercio Vicenza - "Vi apriamo le porte del gusto" è quanto promettono di fare il personale e i docenti dell'Università del Gusto di Vicenza.
Sabato 1 dicembre, dalle ore 10 alle 13, è in programma, al Centro Formazione Esac, in via Piazzon, 40, a Creazzo, dove ha sede l'Università del Gusto, l'"open day", durante il quale tutti gli appassionati della buona cucina potranno visitare la struttura, scoprire i prossimi corsi in partenza, sia per professionisti che per amatori.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Spettacoli&Cultura, Ristorazione, Fatti

Quadri e cenoni con Linea d'ombra

ArticleImage Linea d'ombra  -  Linea d'ombra, assieme al Comune di Vicenza e al consorzio "Vicenza è", offre la possibilità di passare un Capodanno molto diverso dal solito. Come sapete, nella città veneta è aperta dal 6 ottobre una mostra che sta ottenendo un grande successo. Stiamo parlando di Raffaello verso Picasso.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Ristorazione, Fatti

Cioccolandovi 2012: da domani alle 13 l'ottava edizione della rassegna più golosa dell'anno

ArticleImage Cioccolandovi - Nelle principali piazze del centro storico di Vicenza, ben 30 ditte con il miglior cioccolato

Sarà inaugurata domani, in piazza dei Signori, alle ore 13.00, l'ottava edizione di "CioccolandoVi", l'evento organizzato da Confcommercio Vicenza e dal Comune di Vicenza, che ormai da tradizione, caratterizza nel modo più dolce e goloso, l'inizio dell'autunno.

Continua a leggere
<| |>

Commenti degli utenti

Mercoledi 27 Agosto alle 17:38 da DavideDeMeo
In I pacifisti nostrani
Nooo, mi dispiace, non ci sto. Mi riconosco nel movimento pacifista. Ero tra quelli che hanno manifestato contro la costruzione dell?ecomostro Del Din. Sono ancora oggi convinto che quella base non doveva essere fatta. Primo perché è una installazione straniera in preziosissimo suolo nazionale e vicentino. Secondo perché rappresenta un simbolo del modo proprio delle superpotenze di risolvere i conflitti. Vale a dire con la risposta militare. Proprio questa, dai tempi della Guerra del Golfo (con il ridicolo ultimo sviluppo secondo il quale i cacciabombardieri e i droni americani i attaccano mezzi corazzati e armi americane date al governo irakeno dagli stessi americani), dalla Guerra in Afghanistan e dall?intervento in Libia, mostra negli ultimi tempi la sua inutilità. I conflitti regionali sono ancora più aspri di un tempo e l?instabilità internazionale (Iraq, Libia, Pakistan, Ucraina) è ai massimi storici.
Venendo ora al conflitto arabo-israeliano, non posso soffermarmi sulla enorme complessità dei rapporti che hanno determinato l?odierno assurdo scenario (mi ha aiutato a capirci qualcosa il libro ?Vittime. Storia del conflitto arabo-sionista 1881-2001? di Benny Morris ? Ed. Bur ? 2003). Di certo, pensare che lo stato di Israele, a cui la stragrande maggioranza di noi ed io personalmente riconosciamo il diritto all?esistenza ed alla salvaguardia dei propri confini, sia giustificato a radere al suolo (le bombe intelligenti...) i quartieri di Gaza, donne e bambini compresi, per me vuol dire soffrire di cecità selettiva.
E? di ieri la notizia che Tsahal (il tanto ammirato esercito israeliano) ha ucciso tre leader di Hamas, i quali sfortunatamente erano assieme a una dozzina di propri familiari, tra cui diversi bambini innocenti (beh, mica colpa nostra se questi terroristi fanno anche figli, potevano pensarci prima...).
Se i palestinesi radicali, del resto, avessero a disposizione bombardieri e droni non esiterebbero un minuto a farne l?uso di cui noi occidentali siamo maestri. Saremmo pronti, in quel caso, a schierarci a fianco dell?alleato israeliano senza alcun indugio, partecipando allegramente al bomb show.
Allora preferisco di gran lunga l?appello alla pace, con le manifestazioni e i cortei, che sempre sono stati pacifici, che magari poco hanno prodotto (opporsi ai miliardi di giro d?affari del business delle armi è poco popolare, per non parlare dei guerrafondai veri e propri, che sparerebbero anche con il fucile a tappo), che forse possono sembrare antiamericani ma che in realtà esprimono solo il cocente fastidio di essere impotenti di fronte alle scelte fallimentari della war machine internazionale. Anche queste sono azioni forti (e la nostra città non è che ne abbondi).
Caro Prof. Balbo, Gentile Signora Farina, dissento profondamente dalle vostre affermazioni.. Con buona pace del vescovo Rufino e di Erasmo da Rotterdam.

Martedi 26 Agosto alle 15:27 da claudiofiori
In Luca Zaia aderisce alla campagna per la lotta alla SLA
Ottimo gesto "mediatico" del Governatore Zaia. Peccato però che resti solamente un?esposizione mediatica che NON aggiunge nulla agli scarsissimi fondi per la ricerca, e mi riferisco a tutte le patologie delle quali a oggi, le persone ammalate, sono ritenute "rare" se non inesistenti. Un Politico per di più Governatore della Regione, oltre a questi gesti estivi, deve impegnarsi per far si che l'articolo 32 della nostra costituzione sia rispettato, deve impegnarsi per evitare che tutte le persone sofferenti a causa di una patologia non siano derise ma curate, deve dare sostanza e seguito ad ogni paragrafo del P.S.S.R.2013\2016. Queste cose si possono fare, con un po? di buona volontà, visto che, come riferito dal Governatore Zaia in conferenza, i Conti Consuntivi Economici delle A.S.L.Venete hanno chiuso l?esercizio 2013 con un utile (pardon attivo) di 41.467.101.?. Ha poi aggiunto l?Assessore Coletto che il 2013 è per il Veneto il QUARTO anno consecutivo di esercizi positivi???. Ricordo al Governatore Zaia agli Assessori Coletto e Mantoan che in data 04\07\2014 ho spedito una mail (da loro ricevuta e letta, e pubblicata dalla vostra testata il 19\07) nella quale facevo presente che dopo oltre 400 giorni dall?approvazione all?unanimità della Legge, che riconosceva l?M.C.S. come patologia rara e con la quale dovevano essere attuati anche 5 paragrafi a essa collegata, nulla oltre il mero ?riconoscimento? è stato fatto. Oltretutto la lettera era controfirmata da 28 persone sofferenti di tale patologia abitanti in 5 province Venete che mi avevano delegato, e NESSUNO dei destinatari si è degnato di fornire a queste persone un minimo cenno di riscontro. Nessuno cerca la malattia, questa può colpire chiunque a qualsiasi età, una persona ammalata di qualsiasi patologia, proprio a causa del suo stato di salute ha bisogno di tutele ed aiuto. Credo che Il livello di civiltà di una Regione si misura anche dalla cura con cui assiste le persone ammalate. Cordialmente Claudio Fiori

Sabato 23 Agosto alle 19:31 da dreck
In La serata americana a Vicenza con il college basket al top di Michigan
Grazie Direttore, come sempre molto gentile.

Quanto all'autore trovo molto irritante e puerile continuare a rispondere tono su tono ad un (assiduo) lettore. Ormai non posso certo sottrarmi e quindi:
-Da giornalista quale immagino sia sa che non può certo basarsi sul "sentito dire" ma è lei che deve verificare le voci.
-Non metto in dubbio che dovesse lavorare ma sono rimasto al palazzetto ben oltre la fine dell'incontro e l'appunto le avrebbe rubato meno di un giro di lancette.
-Ho chiamato le majorettes con quel nome per quello che sono, non per quello che fanno. Raffaella Masciadri non è stata definita "premiante" bensì "giocatrice del Famila Basket Schio".
-La stessa insegnante ha specificato come le sue ragazze facciano anche cheerleading ma in altre occasioni e contesti. L'esibizione di quella sera era frutto solo del lavoro compiuto come majorettes.
-Il pubblico del Palazzetto ha potuto sentire più e più volte il fatto che fossero di Malo poiché, proprio per farle risaltare, l'ho ripetuto ad ogni stacchetto (primo escluso).
-Le polemiche inutili le ha iniziate a creare lei con questo articolo. Ad ogni modo ho chiesto anche alla mia ragazza (che nulla centra in questo contesto) che è del settore se per caso la conoscesse. Alla sua risposta negativa l'ho cercata sui social senza successo. Solo allora ho provato a commentare in un angolino di sito specifico (e non qui) proprio sotto il suo pezzo, luogo che ritengo il più idoneo in assoluto per far presente una sciocchezza.
-Visto che ha scoperto che conosce la mia ragazza poteva benissimo essere lei ad avvicinarmi!
-Non mi sono firmato perché c'è il nickname (usato anche da lei) che mi identifica. Che non abbia nulla da nascondere è palese visto che ho dichiarato di essere io stesso lo speaker.
Devo continuare?
In realtà ho già sotterrato l'ascia di guerra. Spero vivamente che lei venga al palazzetto lunedì sera in modo da parlare serenamente di ciò che è importante veramente di quell'occasione ovvero lo sport!
Giovanni Barcaro
Gli altri siti del nostro network