Religioni

Quotidiano | StranIeri, italiani oggi | Categorie: Religioni

Migrantes Triveneto: sacerdoti e operatori pastorali "etnici" in pellegrinaggio giubilare alla Basilica del Santo

ArticleImage La Conferenza Episcopale Triveneto annuncia che si svolgerà nella giornata di martedì 20 settembre nella basilica di S. Antonio a Padova, il pellegrinaggio interdiocesano dei sacerdoti ed operatori pastorali “etnici” organizzato dalla Pastorale triveneta dei Migranti e Itineranti nell’ambito dell’Anno giubilare straordinario della Misericordia. L’incontro coinvolgerà, quindi, tutti coloro che seguono direttamente e da vicino - in particolare sul piano pastorale e spirituale - persone, famiglie e comunità cristiane di diverse nazionalità stabilmente presenti nei territori del Nordest a vario titolo (perché immigrate in Italia per motivi di studio, lavoro o scambio culturale) ed inserite nella vita delle Chiese di queste regioni.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni, Fatti

I Frati Minori Conventuali lasciano S. Lorenzo di Vicenza: erano in città dal 1216 con S. Francesco vivente

ArticleImage Comunicato stampa congiunto della Diocesi di Vicenza e della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova dei Frati Minori Conventuali
I Frati Minori Conventuali della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova, comunicano che dal 1° settembre 2017 consegneranno al Vescovo di Vicenza, Mons. Beniamino Pizziol, la cura pastorale della chiesa di S. Lorenzo in Vicenza. La sofferta decisione nasce all'interno di un progetto di ridisegno delle presenze francescane conventuali nel Nord Italia, legato alla preoccupante diminuzione di vocazioni. "Sono scelte sofferte" - sottolinea il nostro Superiore provinciale, p. Giovanni Voltan - "Dobbiamo accettare di essere - come ci esorta San Francesco -‘pellegrini e forestieri', che non hanno scelto un luogo, - cui umanamente ci si affeziona - ma il Signore e il suo Regno".

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni

Ancora nomine del Vescovo Beniamino Pizziol nel clero diocesano: la lista con i preti

ArticleImage La Cancelleria Vescovile della Diocesi di Vicenza ha reso note nuovenomine ad integrazione di quelle dello scorso 26 giugno: nomine e i trasferimenti nel Clero diocesano predisposti dal Vescovo mons. Beniamino Pizziol in vista del nuovo Anno pastorale. Il Vescovo in una lettera che accompagna la pubblicazione delle nomine, aveva spiegato che si tratta quest’anno di provvedimenti straordinariamente numerosi, causati soprattutto dal significativo innalzamento dell’età media del clero, cui la diocesi ha deciso di rispondere costituendo nuove Unità Pastorali affidate alla guida di piccole comunità di presbiteri che vivranno insieme condividendo la preghiera, il dialogo, le scelte e la cura pastorale delle comunità. Di seguito la lista con i nomi.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni, Fatti

Saluto dei musulmani nelle Chiese, anche al convento di San Lorenzo e dalle suore a Breganze: il ringraziamento della Comunità Religiosa Islamica

ArticleImage

Riceviamo da Imam Yahya Pallavicini, presidente COREIS Italiana, e pubblichiamo

La CO.RE.IS. (Comunità Religiosa Islamica) Italiana desidera ringraziare per questa benedetta giornata di domenica 31 luglio nella quale i nostri imam insieme a delegazioni di fratelli e sorelle sono stati accolti in numerose chiese e parrocchie, dove hanno potuto portare un saluto di solidarietà e fratellanza spirituale alla comunità cristiana in occasione della Santa messa in molte città italiane e francesi. Desideriamo ringraziare la Conferenza Episcopale Italiana, in particolare il suo presidente Eminenza Cardinale Angelo Bagnasco, per aver sostenuto l’iniziativa, con l’auspicio che questo sia “l’inizio di un percorso nuovo”.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni, Fatti

Messa in latino lontano da Vicenza? Intanto si celebra nella parrocchia di San Pancrazio ad Ancignano, terra vicina per i "profughi" veri

ArticleImage In una "lettera aperta" diffusa da parte di alcuni "Fedeli di Vicenza legati alla messa in latino" (o messa tridentina) si chiede "che futuro avrà la messa a Vicenza adesso dopo le nuove nomine parrocchiali? Tornerà a Vicenza dove è sospesa dal 2010?". La lettera recita così: "La Messa di San Pio V a Vicenza è stata sospesa nel dicembre 2010 nella chiesa di San Rocco; con le nuove nomine parrocchiali è cambiato l'assetto clericale della Diocesi anche nei luoghi (lontani dal capoluogo) dove si tenevano delle celebrazioni in rito antico. Non si sa ancora se verrà nuovamente applicato il Motu Proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI per Vicenza (già attuato dal 2008 al 2010) o se la Messa antica resterà ancora confinata al di fuori della mura cittadine a fronte di un numero consistente di persone che l'hanno richiesta e che sono costrette ad emigrare in altre province".

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni, Politica

Legge "antimoschee", Stefano Fracasso: "Norme urbanistiche non possono limitare libertà di culto"

ArticleImage Riceviamo dal consigliere regionale del Pd Stefano Fracasso e pubblichiamo

Il consigliere regionale del Pd Stefano Fracasso commenta la decisione del Governo di impugnare la cosiddetta legge regionale "antimoschee": "Sin dall'inizio avevamo manifestato i nostri seri dubbi sulla costituzionalità di questa legge, supportati anche dalla bocciatura arrivata poi in Lombardia. Questo passaggio era quindi prevedibile e logico e conferma quanto dicevamo: non si possono usare le norme urbanistiche per limitare la libertà di culto. Con questa legge la Regione non colpisce solo i centri di preghiera ma le tantissime strutture religiose, anche cattoliche, del Veneto ponendo vincoli e complicazioni assurde. Non è quindi con questa legge antimoschee e antiperpetue che si può affrontare una questione seria e delicata e neppure che si risolvono i problemi contingenti che possono sorgere in alcuni Comuni"

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni

GMG di Cracovia, 785 giovani vicentini in partenza: a Monte Berico Veglia con il Vescovo

ArticleImage La Diocesi di Vicenza rende noto che sono 785 i giovani vicentini (dai 16 ai 30 anni) che parteciperanno alla prossima Giornata Mondiale della Gioventù con papa Francesco a Cracovia in Polonia durante l’ultima settimana di luglio. L’ultimo appuntamento diocesano in preparazione al grande raduno internazionale è per sabato 16 luglio alle 20.30 nel Santuario di Monte Berico. Durante una veglia di preghiera i giovani in partenza per la Polonia riceveranno una speciale benedizione dal Vescovo Beniamino che pure sarà presente con loro a Cracovia per i momenti salienti della Giornata Mondiale della Gioventù insieme al Santo Padre Francesco.

Continua a leggere
Quotidiano | StranIeri, italiani oggi | Categorie: Religioni

In "moschea" a Vicenza di prima mattina il grido "Allah Akbar" per la fine del Ramadan

ArticleImage Riceviamo da Mustapha Ouanit, membro del direttivo unione immigrati di Vicenza, e pubblichiamo

Si è concluso per alcuni ieri il Ramadan, mese sacro dell'Islam, e il relativo digiuno il cui rispetto è uno dei cinque pilastri della religione musulmana. Lo hanno annunciato i centri ovvero il 70% delle moschee di Vicenza e provincia tra cui il centro Etttawba di Vicenza, Cassola, Carpane frazione di Valstagna, Marola, Arsiero che festeggiano oggi e che hanno sempre privilegiato l'itinerario astronomico, o quello religioso basato sulla scansione del tempo nel modo puramente lunare tra cui i centri di: Schio, Thiene, Santoro, Malo, San Lazzaro (Bassano) i bangalesi di via dei Mille(Vicenza) che celebreranno la festa mercoledì prossimo basandosi sulla vista lunare come disse il Profeta pace e benedizione su di lui: «Digiunate al suo avvistamento e rompete (il digiuno) alla sua vista".

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni

Nuove nomine parrocchiali, i fedeli per la Messa in latino: "tornerà a Vicenza dove è sospesa dal 2010?"

ArticleImage

Di seguito pubblichiamo la lettera aperta da parte di fedeli legati alla Messa in latino a Vicenza

La Messa di San Pio V a Vicenza è stata sospesa nel dicembre 2010 nella chiesa di San Rocco; con le nuove nomine parrocchiali è cambiato l'assetto clericale della Diocesi anche nei luoghi (lontani dal capoluogo) dove si tenevano delle celebrazioni in rito antico. Non si sa ancora se verrà nuovamente applicato il Motu Proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI per Vicenza (già attuato dal 2008 al 2010) o se la Messa antica resterà ancora confinata al di fuori della mura cittadine a fronte di un numero consistente di persone che l'hanno richiesta e che sono costrette ad emigrare in altre provincie.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Religioni

Chiesa e vocazione, dalla Lettera di Paolo agli Efesini...

ArticleImage Il Vescovo mons. Beniamino Pizziol ha dichiarato in una lettera che accompagna le nomine e i trasferimenti nel Clero diocesano, in vista del nuovo Anno pastorale, che i provvedimenti sono stati straordinariamente numerosi in quanto, dato l’innalzamento dell’età media del clero, la diocesi ha deciso di costituire nuove Unità Pastorali guidate da piccole comunità di presbiteri. In altre parole servono giovani. L’appello del  Vescovo pare essere rivolto proprio alle generazioni meno “avanti con l’età” come le definisce lui rispetto a quelle che fino alle recenti Nomine hanno guidato le comunità della zona. Più profondamente il Vescovo si rivolge alle parrocchie, in particolare le più grandi, invitandole a non chiudersi e sentirsi autosufficienti tanto da poter fare a meno di comunità più piccole o, peggio, della missionarietà e della ministerialità articolata; lo scopo è quello di integrare le diverse realtà ecclesiali presenti su tutto il territorio.

Continua a leggere
<| |>

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

48 minuti fa da Vanni
In La presunta “gara degli aghi”, a difesa del primario Vincenzo Riboni arriva l'amico Gian Antonio Stella. Su CorSera attacca Nursind, che replica: “toccato il fondo”. E dg Ulss 6 Pavesi su Rai 3 boccia l'ex candidato sindaco

ieri alle 19:46 da Vanni
In La presunta “gara degli aghi”, a difesa del primario Vincenzo Riboni arriva l'amico Gian Antonio Stella. Su CorSera attacca Nursind, che replica: “toccato il fondo”. E dg Ulss 6 Pavesi su Rai 3 boccia l'ex candidato sindaco

ieri alle 15:43 da pachiara9
In Variati ha detto no al Dal Molin poi costruito e critica Raggi per il no alle Olimpiadi a Roma che non si fanno: dissentiamo dal M5S ma il sindaco ha mai detto no al malaffare locale?
Marco Travaglio (interiore!). Come quasi sempre nomen omen. Travaglio esce studiato dai Gesuiti - come Berlusconi, tanto per fare un pò di colore - e da buon predestinato viene colpito subito dal travaglio interiore. Pensa che ti ripensa, matura rapidamente una chiara avversione per tutto quello che è cattolico e si scopre clericale e laico, in ciò forgiato dal suo mentore e maestro Montanelli, mica uno qualunque. Eccolo insomma galoppino al giornale di Montanelli che ne intravvede le doti giornalistiche: in effetti scrive chiaro e almeno si capisce quello che dice. Poi però anno dopo anno si intravaglia sempre più e da buon allievo gesuita matura un'avversione totale per i poteri più o meno forti, per i partiti e gli uomini di potere, facendo profferte amorose per la Magistratura italiana. Ora, la magistratura italiana, per chi l'ha assaggiata non è così male. E' semplicemente pessima nella sua struttura, organizzazione, arroganza e incapacità di giudicare bene e rapidamente, a parte casi particolari. Una vera e propria casta che si è sempre più staccata dal paese reale sino a diventare dominatrice assoluta all'interno dello Stato, condizionando spesso e volentieri la scena politica e sociale. Ad oggi un vero cancro inestirpabile. Ma il Marcuccio la ama e da anni ( lo seguo ab origine) sciorina la sua attività giornalistica come un giudice a latere: colpevoli, rimproveri, anatemi, etc. etc. Insomma è diventato un Roberspierre de noantri. Leggi il suo quotidiano malessere sul misfatto quotidiano e ti accorgi se non è vero. Lui vive e rinasce solo quando c'è qualcosa da colpire, da condannare, da intimidire. Ecco allora che il mio accostamento con tanto famoso creatore del terrore ci sta tutto.O meglio ci stava tutto. Fino a all'altra sera, quando di fronte allo scatenato e senza freni Bomba (come lo chiama lui) il nostro Marco Travaglio non è nemmeno riuscito a sostenerne lo sguardo, non lo mai guardato negli occhi, ma solo accusato. Per essere un piccolo Roberspierre, è stata una vera debacle!. Quanto al servizio doppio di cui sopra, non si capisce come mai Variati invece di guardare al disastro berico targato BPVI e altro, pensi alla Raggi. Non è che ha un debole per lei, ma non viene ricambiato.?

Martedi 27 Settembre alle 07:13 da kairos
In Variati ha detto no al Dal Molin poi costruito e critica Raggi per il no alle Olimpiadi a Roma che non si fanno: dissentiamo dal M5S ma il sindaco ha mai detto no al malaffare locale?
Gli altri siti del nostro network