Infrastrutture

Quotidiano | Categorie: Politica, Infrastrutture

Moretti (PD) “Pedemontana, Regione convochi un Tavolo con i Sindaci del territorio”

ArticleImage "Bene che ci sia un accordo e che questo sia finalmente risolutivo per la Pedemontana, opera che sin dall'inizio abbiamo sostenuto in quanto strategica per lo sviluppo del Veneto e di tutto il Nord Est, ma occorre che in questa intesa vi sia la massima trasparenza sulle nuove condizioni. Uno dei punti su cui deve esserci chiarezza sono le tariffe: come abbiamo più volte detto, e come al momento della stipula del contratto era previsto, alcune categorie di cittadini dovrebbero essere esentati dai pedaggi: penso ai residenti, ma anche agli studenti e ai pensionati". Lo sostiene in una nota la consigliera regionale del Partito Democratico Alessandra Moretti che ritiene come "a questo punto sia necessario che la Regione convochi subito un Tavolo tecnico con i Sindaci del territorio, per un confronto sulle esigenze dei Comuni coinvolti dal percorso della Superstrada".

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Infrastrutture, Fatti

Pedemontana Veneta, ecco la "task force" del governatore Zaia

ArticleImage Il coordinamento è stato affidato alla dottoressa Ilaria Bramezza, segretario generale della programmazione della Giunta regionale del Veneto; il commissario Autorità Vigilante è l'avvocato dello Stato, Marco Corsini, specializzato in contrattualistica pubblica, dipendente di ruolo dell'Avvocatura Generale dello Stato, che opererà a titolo gratuito; i compiti di carattere tecnico sono stati attribuiti all'ingegner Elisabetta Pellegrini, oggi direttore generale della Provincia di Verona e dal prossimo primo febbraio nuovo dirigente regionale; Responsabile Unico del Procedimento (RUP) è l'ingegner Giuseppe Fasiol, responsabile della direzione regionale delle infrastrutture e trasporti. Questi sono i vertici della task force voluta dal presidente Luca Zaia.

Continua a leggere
Rassegna stampa | Quotidiano | Categorie: Infrastrutture

Pedemontana va avanti, Cassa Depositi e Prestiti garantisce il bond di JP Morgan e forse finanziamenti diretti

ArticleImage L’accordo sulla Pedemontana è chiuso. Le firme ancora non ci sono, gli atti conclusivi del tavolo tecnico chiamato a gestire il complesso dossier sono in via di perfezionamento, ma in queste ore è stata raggiunta l’intesa col placet di tutti i soggetti coinvolti: Regione, famiglia Dogliani-Consorzio Sis, Cassa Depositi e Prestiti, Jp Morgan, ministeri delle Finanze e delle Infrastrutture, Palazzo Chigi. Novità sono attese forse già oggi, quando complice il rinvio del vertice a Roma sui migranti, il governatore Luca Zaia potrebbe riunire la giunta in seduta straordinaria per scegliere il nuovo direttore della struttura di progetto, l’uomo che sostituirà il fu commissario Silvano Vernizzi, il cui incarico non è stato rinnovato a fine 2016 dal governo Gentiloni (il bando è scaduto martedì, il nome che gira a Palazzo è quello di Marco Corsini, avvocato dello Stato già assessore a Venezia nella giunta Costa).

Continua a leggere
Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Infrastrutture

CorVeneto: Tangenziale, dal Cipe 5 milioni «Soldi per la progettazione»

ArticleImage Di Elfrida Ragazzo, da Corriere del Veneto
Variati: «Sono molto soddisfatto». Dalla Pozza: «Completeremo l’intero anello». In un pacchetto da 180 milioni di euro destinati al Veneto, dentro se ne trovano 13 riservati al Vicentino. E precisamente: 5 per la tangenziale di Vicenza e 8 per la (vecchia) Valsugana. Un regalo di Natale firmato dal ministero delle Infrastrutture, su cui sono stati messi i fiocchi ieri durante la seduta del Comitato interministeriale di programmazione economica, che ha approvato il piano operativo nazionale da 11,5 miliardi per le opere pubbliche. Ma ancora prima del 25 dicembre, il via libera ai fondi è arrivato a tre giorni dal referendum costituzionale, su cui si gioca anche il futuro del governo Renzi.

Continua a leggere
Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Infrastrutture

Una holding per le autostrade del Nordest, ma sulla Pedemontana lo Stato non mette altri soldi

ArticleImage «Tra Luca Zaia e Debora Serracchiani c’è un sodalizio interessante…». Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio sorride ma la sottolineatura non è solo un divertissement , una strizzata d’occhio alla platea arrivata a Ronchis, al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, per l’avvio dei lavori del nuovo lotto della terza corsia della A4 - il terzo - tra Alvisopoli e Gonars. Tra i due presidenti, infatti, è tutto un parlottare fitto, mezzi sorrisi e cenni d’intesa che non ci si aspetterebbe vista la distanza che divide Lega e Pd in questi tempi referendari.

Continua a leggere
Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Infrastrutture

Pedemontana veneta, la Corte dei conti parla di "rischio fattibilità"

ArticleImage Per la seconda volta in 11 mesi, i giudici della Corte dei conti prendono di mira la superstrada (a pedaggio) che dovrebbe liberare un pezzo di Veneto dall'incubo del traffico facilitando la circolazione merci verso l'Est europeo. E stavolta la Corte dei conti si spinge a definire "a rischio fattibilità" questo progetto viario. Entra dunque in un tunnel la Pedemontana Veneta, la lingua d'asfalto di 94.5 chilometri che punta a collegare il Vicentino e il Trevigiano incrociando tre autostrade (la A4, A27 e A31).

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Infrastrutture

Ipotesi Variati di via Torino per il front office del Comune, Cub: l'ultimo spot elettorale del Sindaco

servizio di Piero Casentini
Si è recentemente riproposta la possibilità di unificare in un front office del comune in un unico sito. Tra i candidati, ormai discusso da tempo, è il sito di via Torino, una zona limitrofa a viale Milano e alla stazione ferroviaria, luoghi spesso oggetto di discussione in merito alla loro riqualifica necessaria dal punto di vista sociale ed economico. Proprio ad un’intervista alla tv locale il sindaco Achille Variati ha dichiarato di non voler lasciare al suo successore il compito di creare una struttura alla quale i cittadini possano rivolgersi unicamente dall'anagrafe ai permessi edilizi, dalle richieste legate alla mobilità a quelle sulle attività produttive.

Continua a leggere
Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Infrastrutture

CorVeneto: Tav a Vicenza, un anno per decidere e poi cantieri fino al 2024

ArticleImage Un anno per definire l’attraversamento Tav a Vicenza e trasformare gli scontri sul progetto in un accordo che porti alla conferenza dei servizi. E sette anni per vedere l’alta velocità ferroviaria in Veneto arrivare fino alle porte di Vicenza. Dopo la promessa del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio di dare il via libera alla Tav in Veneto entro fine 2106 – inizio 2017 – ora è l’amministratore delegato di Rfi, Maurizio Gentile, a dettare i tempi di un’infrastruttura che il Veneto attende – e discute – da decenni.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Infrastrutture, Fatti

Ex Macello, messa in sicurezza delle murature

ArticleImage Comune di Vicenza
“E' un intervento necessario, indispensabile per garantire la sicurezza di chi transita nelle aree adiacenti – ha precisato l'assessore alla cura urbana Cristina Balbi -. L'ultimo intervento sull'edificio risale al settembre 2015. In quell'occasione sono state rimosse alcune alberature che rendevano instabili alcune porzioni di muro. Contestualmente è stata fatta una ricognizione generale dell'immobile e sono state individuate le azioni necessarie per garantire la conservazione dell'edificio e scongiurare nuovi possibili crolli.

Continua a leggere
Quotidiano | Categorie: Infrastrutture, Politica

Pedemontana veneta, Enrico Cappelletti: studio sulle stime di traffico deve essere reso pubblico

ArticleImage Di seguito la nota di Enrico Cappelletti, Senatore del Movimento 5 Stelle che sull'argomento ha presentato anche un'interrogazione ai Ministri delle infrastrutture e dell'economia
Abbiamo evidenziato ai Ministri Delrio e Padoan la necessità che lo studio commissionato da Cassa Depositi e Prestiti sulle stime dei flussi di traffico della Pedemontana Veneta venga reso pubblico, dal momento che esiste un rischio concreto e attuale che l'opera debba essere interamente finanziata con il denaro dei cittadini.

Continua a leggere
<| |>

Commenti degli utenti

Martedi 21 Febbraio alle 16:21 da kairos
In Cimitero acattolico, Variati: "Mai pensato di trasformalo in un parco"

Martedi 21 Febbraio alle 11:16 da Luciano Parolin (Luciano)
In Pochi iscritti alle elementari, scuole a rischio
Un popolo, una Nazione senza figli non ha futuro, è destinata ad estinguersi. Ma probabilmente, interessa a pochi. Ho lasciato la scuola da un decennio quando era al massimo dell'espansione, con poca presenza di stranieri. Nel 1988, chiusero la Scuola Media Palladio di Contrà Santa Maria Nova che aveva 10 corsi per 30 classi e quasi 1.000 Alunni. Alla chiusura mi trasferisco alla Maffei di Santa Caterina seguendo il Preside G.A. Novello anche lì con i nostri programmi, le attività, un gruppo di docenti UNITI e Validi i corsi risultarono 7 con 20 classi. Per quali motivazioni le famigli scelgono una scuola o un'altra oppure vanno nelle Paritarie? In primis l'accoglienza e la Formazione delle classi che dovrebbe essere un fatto scientifico di analisi dei bisogni delle Famiglie non tempo perso. La struttura scolastica è importante, le Maddalene hanno 100 anni, affumicate dai TIR, posta su una Nazionale. La Comunità di Maddalene, invece di progettare parcheggi farebbe meglio a pensare ad una scuola Nuova per i residenti, magari alla svedese inserita nella calma del verde e la seriola. MANCA UNA POLITICA PER LA SCUOLA quindi manca una previsione del Futuro per i Giovani. A suo tempo al sindacato scuola avevo proposto un normale orario scolastico, tutti i docenti ed alunni entrano alle ore 8 escono alle ore 16. Tutto compreso con mensa organizzata, trasporto per disabili, aula musica per concerti e orchestra scolastica, insomma un tempo pieno per tutti Alunni e Docenti. Salvati cielo dei sindacati e dei bidelli (!). Ma alla Maffei si costituì il primo Comitato Genitori legale, che ancora funziona. Ma purtroppo l'ingresso dei genitori a SCUOLA, non è tanto ben visto....Allora anche le "gamelle" hanno fallito!
Gli altri siti del nostro network